Pubblicato: Mar, Gennaio 08, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

La saudita può entrare in Thailandia

La saudita può entrare in Thailandia

Una ragazza di 18 anni saudita è stata fermata all'aeroporto di Bangkok mentre cercava di fuggire dalla sua famiglia con un volo per l'Australia.

In un video postato sui social network, la giovane ha raccontato la sua storia, spiegando di non avere intenzione di lasciare la camera nella quale si è barricata finché non le sarà consentito di parlare con funzionari delle Nazioni Unite. In Thailandia, i funzionari sauditi avrebbero sequestrato il passaporto alla 18enne, tentando di riportarla in Kuwait, dove attualmente si trovano i suoi famigliari. Rahaf Mohammed al-Qunun ha però rifiutato di essere imbarcata sul volo per Kuwait City e si è barricata in una camera d'albergo nell'aeroporto. È stata la ragazza stessa ha raccontare la vicenda sul suo profilo Twitter.

"Mi vogliono uccidere, la mia vita è in pericolo, la mia famiglia minaccia di uccidermi per i motivi più banali". Le autorità thailandesi hanno detto a Rafah che sarà riportata in Kuwait.

More news: Malato di tumore, Francesco Chiofalo in ospedale per l’operazione: "Sono agli sgoccioli…"

L'appello della ragazza era stato accolto dall'ong Human Rights Watch, che aveva chiesto alle autorità di Bangkok di fermare il rimpatrio della giovane; anche l'ambasciatore tedesco in Thailandia, Georg Schmidt, al quale Rahaf Mohammed al-Qunun si è rivolta, aveva promesso di restare in contatto con le autorità locali per quanto riguarda il destino della giovane. Subito media e organizzazioni per i diritti umani si sono attivati per cercare di risolvere la situazione e oggi, il capo dei servizi di polizia competenti per l'immigrazione, Surachate Hakparn, ha detto, nel corso di una conferenza stampa, che la giovane avrebbe potuto vedere i funzionari dell'ufficio rifugiati dell'Onu nel pomeriggio. La ragazza, invece, in un primo momento su Twitter ha smentito quanto affermato dalle forze dell'ordine.

I tecnici dell'Unhcr l'hanno incontrata nella stanza d'albergo dell'aeroporto Suvarnabhumi, dove si trova tuttora.

Come questo: