Pubblicato: Lun, Gennaio 07, 2019
Economia | Di Almiro De Bernardi

Reddito di cittadinanza e quota 100: tutti i numeri, ecco quanto spetta

Reddito di cittadinanza e quota 100: tutti i numeri, ecco quanto spetta

Dalla Bozza del Decreto che è stata visionata dall'AdnKronos viene confermata l'erogazione del reddito di cittadinanza per un periodo continuativo non superiore ai 18 mesi.

Queste due categorie però non hanno i requisiti per accedere al reddito di cittadinanza. Sparisce la figura di "presidente monocratico" e arriva un consiglio di amministrazione con 5 membri di cui uno è il presidente.

Il reddito potrà essere chiesto anche dagli stranieri purché in possesso del permesso di lungo soggiorno e residenti in Italia da almeno 10 anni.

Nella bozza vengono quantificate in 259.000 le famiglie composte da soli stranieri che potrebbero avere accesso al reddito, per una spesa di 1,58 miliardi di euro. Stando ai dati disponibili e riferiti alle dichiarazioni Irpef del 2016, a Terni ci sono 296 contribuenti con un reddito dichiarato pari a zero, mentre circa il 27% dei ternani ha un reddito Irpef compreso fra zero e diecimila euro (sono quasi 20.500) ma poi ce ne sono altri 35mila con un reddito compreso fra 10mila e 26mila euro che quindi, potenzialmente, potrebbero rientrare nella platea dei beneficiari. Saranno coinvolte 4,6 milioni di persone e 1,4 milioni di nuclei familiari. Il beneficio e' di 500 euro (6.000 euro l'anno) moltiplicato per la scala di equivalenza e 280 euro al mese (3.360 euro l'anno) per il sostegno all'affitto.

Roma, 5 gen. (AdnKronos) - Partira' ad aprile 2019, insieme al Reddito di cittadinanza, la misura pensionistica cavallo di battaglia leghista conosciuta come Quota 100. Le famiglie ammesse al Rdc dovranno sottoscrivere un "Patto di lavoro" con i centri per l'impiego che impegna tutti i componenti maggiorenni del nucleo. Questo accadrà nel 2019 in fase di prima applicazione del reddito.

More news: Malato di tumore, Francesco Chiofalo in ospedale per l’operazione: "Sono agli sgoccioli…"

La platea dei beneficiari del reddito di cittadinanza sarà di 1.437.000 famiglie (il 47% al Centro-Nord, il 53% al Sud e Isole, Campania in testa) per 6,5 miliardi di spesa con partenza da aprile. In particolare la penalizzazione dei nuclei famigliari più numerosi (oggi più colpiti dalla povertà), i sistemi di controllo per evitare la coesistenza di reddito e lavoro nero, la disparità geografica dell'importo del reddito data dai diversi costi della vita.

I datori di lavoro che assumono a tempo pieno e indeterminato un lavoratore che beneficia del reddito di cittadinanza e non lo licenzia per 24 mesi, ha diritto ad uno sgravio contributivo che è pari alla differenza fra 18 mensilità di RdC e quello già goduto.

ATTUAZIONE: Per la piena attuazione del decreto "è autorizzata una spesa di 50 milioni di euro per l'assunzione di personale da assegnare alle strutture dell'Inps". Stipulate convenzioni con le banche per anticipo tfr ai dipendenti pubblici che andranno in pensione con quota 100.

Il decreto che introduce il Reddito di cittadinanza e Quota 100 dovrebbe essere pronto al massimo per lunedì; approvazione definitiva attesa nel corso della prossima settimana.

Oltre a ciò, vi sarà anche un vincolo ostativo che riguarda l'intestazione a qualunque titolo per qualsiasi membro della famiglia di autovetture di prima immatricolazione nel semestre precedente oppure di auto di cilindrata superiore ai 1600 cc. immatricolate nel biennio precedente.

Come questo: