Pubblicato: Lun, Gennaio 07, 2019
Esteri | Di Evidio Veneziano

Crollo in una miniera d'oro. Strage di lavoratori

Crollo in una miniera d'oro. Strage di lavoratori

Almeno 30 persone sono rimaste uccise oggi 6 gennaio a seguito del crollo avvenuto in una miniera d'oro nel nord-est dell'Afghanistan, in quella che è l'ultima tragedia a colpire il Paese mediorientale già devastato dalla guerra. Il motivo del crollo non è chiaro, anche se fonti non confermate ma riportate da alcuni media dicono che a innescarlo potrebbe essere stato un improvviso allagamento del greto del fiume.

L'incidente, secondo quanto riferito dalle autorità locali, è avvenuto nella provincia nordorientale di Badakhshan. "Stavano usando un escavatore per creare un grande buco nel terreno nel fiume, quando è avvenuto il crollo che ha intrappolato decine di lavoratori", ha spiegato il governatore Mohammad Rustam Raghi.

More news: Calciomercato, clamoroso Benfica: si pensa al ritorno di Mourinho

L'Afghanistan è ricco di minerali preziosi, ma molte delle miniere sono vecchie e prive di misure di sicurezza. "Abbiamo inviato una squadra di soccorso nell'area, ma gli abitanti dei villaggi hanno già iniziato a rimuovere i corpi dal luogo della tragedia" ha aggiunto.

Elicotteri del ministero della Difesa sono stati dispiegati per consegnare denaro alle famiglie delle vittime e trasportare i feriti in ospedale. La regione di Badakhshan è una provincia montana e remota nel nordest, al confine con Tagikistan, Cina e Pakistan. L'isolamento e il conflitto in corso, così come la mancanza di controllo ufficiale, scoraggia le società minerarie internazionali dallo sfruttamento di queste risorse.

Come questo: