Pubblicato: Mer, Gennaio 02, 2019
Tecnologia | Di Ricario Cosma

New Horizons sorvola il corpo celeste più lontano mai esplorato

New Horizons sorvola il corpo celeste più lontano mai esplorato

La Nasa ha inaugurato il 2019 con uno storico sorvolo del corpo cosmico più lontano, e probabilmente il più antico, mai esplorato dall'umanità. Ultima Thule è situata in una delle regioni più remote del sistema solare, conosciuta come Fascia di Kuiper, dal nome dell'astronomo che ne immaginò l'esistenza alla fine degli anni Cinquanta, Gerard Kuiper. Il sorvolo della sonda di Ultima Thule, avvenuto questa mattina alle 06,33 ora italiana, poco dopo la mezzanotte Eastern Time, ha segnato una pietra miliare perchè l'asteroide è diventato l'oggetto più distante mai esplorato nel sistema solare. "È una capsula del tempo che ci porterà a 4.500 milioni di anni fa, alla nascita del sistema solare", ha spiegato Alan Stern, ricercatore al Southwest Research Institute. Una telecamera a bordo della navicella spaziale dovrebbe dare agli scienziati un'idea sulla sua forma, e chiarire anche se è una formazione unica o se si tratti di più oggetti. Ogni contatto tra la sonda e la Terra impiega sei ore e otto minuti (12 ore e 15 minuti se si contano l'andata e il ritorno).

More news: Sala: "Contro il razzismo fascia da capitano a Asamoah"

Applausi e applausi sono scoppiati al controllo delle missioni quando sono stati confermati i segnali di New Horizons. "Pensate, siamo a 1,6 miliardi di km da Plutone".

Come questo: