Pubblicato: Sab, Dicembre 08, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Grenfell Tower: Gloria Trevisan, l’ultima chiamata di addio

Grenfell Tower: Gloria Trevisan, l’ultima chiamata di addio

E mi ha ripetuto che non riusciva più a respirare.

Emanuela Desaro, mamma di Gloria Trevisan, la 26enne veneta morta assieme al fidanzato Marco nel rogo della Grenfell Tower a Londra, mette nero su bianco i terribili ricordi di quella maledetta sera. Un tempo interminabile per chiunque, si immagini per una madre che sa già che starà per perdere sua figlia. Mentre il fuoco si faceva strada nell'appartamento all'ultimo piano del palazzone, Gloria, è passata dalle sensazioni di "panico, terrore, preoccupazione, consapevolezza e rassegnazione" quando si è resa conto che i vigili del fuoco avevano "smesso di cercare di salire", ha detto sua madre. Racconta la donna che alle 3 e 45 di notte, le 2 e 45 a Londra, la figlia la chiamò al telefono per ben 22 minuti.

More news: "Lui non ci sarà", Lega lancia campagna per la manifestazione a Roma

Gloria Trevisan ha chiamato la madre impaurita, avvertendola del pericolo che stava correndo; secondo la testimonianza di Emanuela Disarò, contemporaneamente il fidanzato Marco aveva chiamato suo padre per lo stesso motivo.

In una dichiarazione scritta per l'inchiesta pubblica sulla tragedia, in cui 72 persone hanno perso la vita, la signora Disaro ha ricordato: "Mi ha detto che voleva interrompere la telefonata le ho detto, no, passami Marco". Oggi Emanuela Disaro e suo marito Loris Trevisan si ritrovano a dover rivivere quei drammatici momenti di fronte alle autorità inglesi che stanno indagando sul caso: la coppia, infatti, è stata chiamata a testimoniare su quanto accaduto alla figlia, fornendo alla polizia il racconto dell'ultima telefonata di Gloria. "Voleva solo svenire e non sentire più nulla, ci ha detto di essere forti". "Non può essere la fine, non può finire così", avrebbe detto Gloria alla madre in preda alla disperazione e alla voglia di sopravvivere e soprattutto di continuare a vivere. Il corpo di Gloria rientrò in Italia il 18 luglio. "Volevo morire, se avessi avuto una pistola mi sarei uccisa".

Come questo: