Pubblicato: Gio, Dicembre 06, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

Pensioni: finestre per anticipate e precoci, nessun rinvio quota 100

Pensioni: finestre per anticipate e precoci, nessun rinvio quota 100

Innanzitutto, non basta il solo requisito della quota, per ottenere il trattamento di pensione, ma è necessario anche possedere una contribuzione minima pari a 38 anni ed aver compiuto almeno 62 anni. Serve in buona sostanza che si intervenga con alcune modifiche affinché la riforma esca un po' più zoppa dal Consiglio dei Ministri, e che quindi venga a costare un po' meno. "Quota 100 - ha assicurato Salvini - c'è e riguarderà a partire da febbraio potenzialmente oltre 600 mila italiani che potranno liberamente scegliere se continuare a lavorare o andare in pensione liberando centinaia di migliaia di posti di lavoro per i nostri ragazzi". Il quotidiano scrive poi che "il divieto scenderà di anno in anno al salire dell'età fino ad azzerarsi in prossimità dei 67 anni, quando cioè scatta il requisito per la pensione di vecchiaia".

Insomma, se così fosse la quota 100 potrebbe arrivare a costare sui 5 miliardi, contro i 6,7 miliardi stimati in precedenza, ma partirebbe solo da marzo.

Nel 2019 si potrà andare in pensione anticipata, indipendentemente dall'età, con 42 anni e 10 mesi di contributi (41 e 10 mesi le donne), senza quindi che scatti per queste pensioni l'incremento di cinque mesi dell'aspettativa di vita previsto per l'anno prossimo. In questo modo, la quota 100 diventa quota 101 per chi ha 63 anni, quota 102 per chi ne ha 64, quota 103 per chi ne ha 65 e quota 104 per chi ne ha 66. E poggia su "quota 100" in versione ponte per i prossimi tre anni in vista dell'introduzione, dal 2022-23, di quota 41 per tutti.

Sulla quota 100, in particolare, vanno ancora definiti i criteri e gli eventuali paletti che potrebbero essere posti per ridurre il numero dei pensionamenti anticipati.

"Lo faranno, ma facendo finta di non averlo fatto" ha dichiarato Ghiselli, convinto del fatto che il Governo farà intendere che Quota 100 rimane e che gli impegni presi saranno rispettati, pur attuando nei fatti una riforma delle pensioni molto differente da quella annunciata in campagna elettorale.

More news: Elia Fongaro confessa che cosa prova per Jane Alexander

Quota 100 pensioni, il dibattito non si spegne.

Quanto alle novità in arrivo Durigon conferma gran parte delle ipotesi circolate: da quota 100 pensioni con 38 anni di contributi e 62 di età, al contributo di solidarietà per le pensioni d'oro, passando per la reintroduzione delle finestre d'uscita.

In un primo momento, per limitare gli accessi alla quota 100, è stato ipotizzato il ricalcolo del trattamento col sistema contributivo.

Il via a "quota 100" sembra confermata verso aprile, come ha ribadito il sottosegretario al Lavoro, Claudio Durigon, anche se Matteo Salvini ha insistito sulla partenza anticipata. Questa cifra risparmiata potrebbe essere destinata a investimenti, proprio come vuole l'Europa.

Tutto ovviamente ruota in ogni caso intorno alla manovra.

Come questo: