Pubblicato: Mar, Dicembre 04, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

Papà Di Maio su Facebook: "Scuse per errori. Mio figlio non sapeva"

Papà Di Maio su Facebook:

Antonio Di Maio si presenta come "semplicemente un piccolo imprenditore", che, riconosce, "ha commesso degli errori". Lo fa Valeria Sudano, senatrice del Partito Democratico, che in una nota aggiunge anche un "breve riassunto della vicenda Di Maio: il padre, Antonio Di Maio, ha ammesso che nella sua azienda si è praticato lavoro nero; per questa azienda c'è un debito fiscale di 176 mila euro ma non si ha traccia di nessuna cartella di Equitalia pagata né di pignoramenti; Antonio Di Maio evidentemente guida l'attività dell'azienda ma non compare mai e quindi il buon vicepremier ha fatto il prestanome per il padre e (quindi era a conoscenza di tutta la vicenda?)". Per questo, nei periodi difficili, ho cercato di andare avanti da solo perché non volevo pesare su di loro. Antonio Di Maio, padre del vicepremier, interviene con un video di 5 minuti pubblicato su Facebook in cui ribadisce l'estraneità del figlio alle vicende delle assunzioni in nero nella propria azienda e dei presunti abusi edilizi nel terreno di proprietà della famiglia. Chiedo scusa alla mia famiglia per il dispiacere che ha provato. "Quando c'e' crisi e a volte si ha paura di non poter andare avanti", continua Antonio Di Maio.

More news: Juventus, Chiellini: "Siamo stati bravi nel soffrire e umili nel saperci difendere"

Ho commesso errori e leggerezze di cui mi prendo tutte le responsabilità. "Quando, nei giorni scorsi, la Polizia Municipale è venuta a Mariglianella per controllare il capanno sul terreno, di proprietà mia e di mia sorella - ha detto - l'area è stata sorvolata da un drone, come nei giorni scorsi anche la nostra casa". "Ho nascosto i miei errori per un motivo banale che per me era importante, avevo paura di perdere la loro stima. Cosa che, se conosco mio figlio - assicura - non succedera'". C'erano telecamere e giornalisti ovunque. Questi avevano bloccato l'attività di impresa per cui non vi era altra strada che chiuderla. Ripeto che non voglio certamente discolparmi se ho fatto degli errori e voglio da padre a figlio dire a Luigi che mi dispiace per tutto quello che lui sta passando. "Da padre - ha concluso commosso nel proprio video - posso solo incoraggiarlo ad andare avanti, ma non perche' e' mio figlio, ma perche' credo che stia facendo il bene di questo Paese, contro tutto e contro tutti".

Come questo: