Pubblicato: Dom, Dicembre 02, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

I gilet gialli mettono a fuoco e fiamme Parigi


Un palazzo è stato assaltato da gruppi di teppisti che hanno appiccato le fiamme all'interno.

33 "fermi" dopo 2 ore, rinforzi dalla BastigliaIntorno alle 11, dopo circa 2 ore di tafferugli tra "gilet gialli" e forze dell'ordine, è salito a 33 il numero dei fermi nella zona degli Champs-Elysees, mentre dalla Bastiglia sono arrivati altri 2-300 manifestanti, che hanno sfilato adesso pacificamente (ma rumorosamente) lungo rue de Rivoli.

La prefettura ha fornito un bilancio provvisorio di 20 feriti (sei tra le forze dell'ordine) e 122 fermi. Si contano almeno 122 fermi. Sedici persone sono state fermate. Questo ha aizzato gli altri manifestanti che hanno lanciato altri fumogeni verso l'Etoile, l'ultima zona aperta alla circolazione.

Dilaga in molti quartieri di Parigi la violenza dei casseur infiltrati nella manifestazione dei gilet gialli. Due auto della polizia sono state date alle fiamme. La polizia - che fa uso di lacrimogeni e idranti per respingere i casseur che tentano di forzare i blocchi - è presente in numero massiccio attorno alla grande avenue, devastata dalla guerriglia sabato scorso.

More news: Test Jerez Moto2 day1: Baldassarri è il più veloce

La natura eterogenea del movimento rende difficile il confronto con un governo che sembra incapace di tendere l'orecchio verso la protesta.

Intanto, in Francia, si tramuta in fiasco l'incontro a Parigi tra il premier Edouard Philippe e una delegazione di gilets-jaunes, alla vigilia del blindatissimo 'terzo attò della mobilitazione domani sui Campi Elisi.

Nonostante si sia mostrato fermo nelle sue posizioni, Macron ha dato qualche debole segnale di apertura, come gli incentivi per l'acquisto di macchine elettriche o "l'assegno energia" per le famiglie più disagiate. "Tutti insieme", hanno urlato i dimostranti. Alcuni hanno tracciato scritte con lo spray nero, fra cui "i gilet gialli vinceranno". La donna chiedeva al governo e a Macron l'abbassamento dei prezzi del carburante.

Dopo essere riuscito a sbaragliare l'opposizione e i sindacati nella prima fase del suo mandato, Macron si ritrova a dover gestire un movimento che rischia di rallentare la sua marcia presidenziale, soprattutto in vista delle prossime elezioni europee a maggio.

Come questo: