Pubblicato: Sab, Dicembre 01, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Migranti e Global compact, Salvini: "Non lo firmiamo"

Migranti e Global compact, Salvini:

Se Conte non si sbilancia, è la Lega che sembra più propensa a concedere qualcosa all'Europa, pur di ottenere i provvedimenti ritenuti più rilevanti, a partire da quota 100 per le pensioni. Nel 2016, nell'Assemblea Generale delle Nazioni Unite di New York, il patto è stato firmato da oltre 190 Paesi ed è stato ribattezzato "Dichiarazione di New York".

Le parole del vicepremier sono arrivate oggi, a sorpresa, nel corso del confronto a Montecitorio sul decreto Sicurezza. Una manciata di minuti dopo, quando il Pd ha già accusato il ministro dell'Interno di smentire Giuseppe Conte che il 26 settembre scorso aveva dichiarato all'Assemblea generale dell'Onu il sostegno italiano al patto internazionale sulle migrazioni, arriva la svolta di Palazzo Chigi.

Lo ha annunciato Matteo Salvini, che ormai agisce da presidente del Consiglio. E del resto, lo stesso premier Giuseppe Conte aveva assicurato la partecipazione dell'Italia all'iniziativa: "I fenomeni migratori", aveva affermato, "richiedono una risposta strutturata, multilivello, di breve, medio e lungo periodo da parte dell'intera comunità internazionale".

More news: Battaglia navale nel mar Nero, alta tensione fra Russia e Ucraina

Il Global Compact for Migration (PDF) è un documento che stabilisce alcune linee guida nella gestione dell'immigrazione e dell'accoglienza dei richiedenti asilo sulla base delle ultime indicazioni di studiosi, operatori e funzionari. "La stessa scelta è stata fatta dalla Svizzera che era addirittura facilitatore del testo ovvero l'aveva ideato". Il sottosegretario agli Esteri Manlio Di Stefano sottolinea che è "opportuno parlamentarizzare il dibattito" e giudica "corretta la scelta dell'esecutivo di non partecipare all'incontro", aspettando che si pronuncino le Camere. Sia la destra estrema dell'AfD in Germania, sia quella di Marine Le Pen in Francia hanno accusato i rispettivi governi di approvare un documento che, a loro avviso, incoraggia l'immigrazione clandestina. Fratelli d'Italia ha richiesto ufficialmente al governo di non sottoscrivere l'accorso e, per rafforzare la nostra posizione ha lanciato una petizione in tutta Italia. Ma, evidentemente, tutto questo non è stato ritenuto degno di approvazione dal governo formato dalla Lega e dal Movimento 5 Stelle. "Deve essere il Parlamento a discutere del Global Compact". "Ad ogni modo - riconosce il GMC - migranti e rifugiati sono gruppi distinti governati da una cornice normativa diversa". "Un incremento che farebbe crescere non solo la preoccupazione e il malcontento dei cittadini, ma anche i lunghi tempi di una costruzione attesa dal novembre di quattro anni fa". Per il 19% invece gli interventi urgenti sono quota 100 e il superamento della Legge Fornero (-1% rispetto alla settimana scorsa). Assenti anche gli Stati Uniti, che non hanno partecipato alla negoziazione dell'accordo.

Anche la Slovacchia ha respinto definitivamente il Patto: la risoluzione è stata approvata da 90 deputati dei 142 presenti nel parlamento unicamerale. "A Marrakech, quindi, il Governo non partecipera', riservandosi di aderire o meno al documento solo quando il Parlamento si sara' pronunciato", spiega il presidente del Consiglio nella nota.

Come questo: