Pubblicato: Ven, Novembre 30, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

Mirabelli: "Paquetà? Non avrei investito tanto. Fabregas lo trattammo. Ibra? Rifiutato"

Mirabelli:

Anzi, dirò di più, noi siamo stati molto vicini anche a Cristiano Ronaldo. Quando si parlava di cambiare allenatore, la proprietà cinese non voleva dare l'impressione all'esterno la sensazione di un ridimensionamento e mi hanno detto di non guardare al budget: io ho insistito che Gattuso sarebbe stato l'allenatore del futuro e non un traghettatore. Non credo che l'acquisto di Bonucci possa considerarsi un flop. "Molti vogliono solo ed esclusivamente iniziare dall'università, lui è partito dall'asilo e sta dimostrando di valere". Il dirigente ha parlato del suo mercato degli attaccanti, facendo riferimento anche ad un contatto tra la società di Milano ed il bomber biancoceleste: "L'obiettivo numero uno era Aubameyang ma il Dortmund aveva richieste troppo pretenziose".

Il caso Donnarumma e i rapporti con Raiola: "Non c'è un odio o una guerra fra di noi, ognuno cercava di tutelare i propri interessi".

More news: Jane Alexandere desiderio hard, l’attrice pronta per un menage a trois?

" Bonucci ha detto che è stato un errore?". Ci sono modi e tempi, oggi parla anche per riconquistare la gente e sono dichiarazioni di comodo. Lui era convinto di venire al Milan. André Silva? Porterà una plusvalenza importante alle casse del Milan. L'ho preso a 38 milioni ma sapevamo che era un assegno circolare. "Mi spiace che Silva non sia rimasto perché sono certo che avrà un futuro importante". Andava ringiovanito e alcuni giocatori - ha proseguito - non hanno ancora espresso tutto il loro valore, ci vuole tempo. "Ibra al Milan? No. Anche a noi Raiola l'aveva offerto, ma il Milan ha la necessità di mettere quegli elementi per crescere e costruire e far partire un nuovo ciclo. Fabregas? L'abbiamo trattato anche noi, sicuramente è un grande giocatore", ha concluso Mirabelli. "Il primo finora ha fatto vedere il 40% delle sue qualità, ha grandissimo talento".

"Paquetà? Lo conoscevo anch'io, è un giocatore di buon talento ma non ci avrei fatto un grande investimento".

Come questo: