Pubblicato: Mar, Novembre 27, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Migranti, a Pozzallo arrivati in 236. Salvini: "Malta vergognosa"

Migranti, a Pozzallo arrivati in 236. Salvini:

"La Valletta - l'accusa di Salvini - come al solito sta cercando di rifilare gli immigrati al nostro Paese".

Una protesta raccolta dal ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli che chiede all'Europa di intervenire a sostegno dell'Italia. Il ministro dei Trasporti grillino Danilo Toninelli si è schierato dalla parte del collega leghista: "Sui migranti Malta si gira dall'altra parte - ha twittato -, stavolta per una fantomatica avaria". E l'Ue che fa?

L'hanno adoperata sei egiziani, componenti l'equipaggio di un peschereccio libico salpato dal porto di Zuwara, individuato prima da un velivolo del dispositivo di Frontex e poi da un elicottero della marina militare italiana imbarcato su nave Carabiniere, a 50 miglia a Sud di Lampedusa, il 2 novembre scorso, mentre trainava quella che apparentemente era una barca in legno del tipo utilizzata per stendere le reti in mare. Nella seconda imbarcazione, invece, c'erano invece 68 extracomunitari fra cui 3 donne. Fino a ieri non risultavano operazioni per intercettare l'imbarcazione.

"Gli scafisti in questi casi sono veri e proprio professionisti - dicono gli investigatori - assoldati dai libici con i quali stringono rapporti di lavoro, tanto da curare solo l'aspetto del viaggio ma non quello del reclutamento in Libia dei diversi passeggeri". Le autorità di Malta inoltre avrebbero soccorso al largo della Libia un altro barcone partito da Zliten. I due, formalmente ancora sospettati di reato, sono in stato di fermo in attesa di accertamenti.

More news: Brexit, più vicini ad accordo su nodo Gibilterra

Tra di loro anche 233 eritrei, che "per 1-2 anni" sono stati tenuti "nelle prigioni dei trafficanti" sono "sopravvissuti a torture, abusi, malnutrizione" con un "riscatto pagato più volte".

Ad oggi circa 100mila richiedenti asilo e migranti hanno raggiunto le coste europee nel 2018, segnando un ritorno ai livelli precedenti al 2014. Il procuratore Patronaggio ha sottolineato che si stanno "approfondendo le indagini perché riteniamo che non ci troviamo di fronte ad un caso isolato, ma bene organizzato e ben orchestrato".

Solo a Settembre ha perso la vita una persona ogni otto di quanti hanno effettuato la traversata dalla sponda Sud del Mediterraneo.

Come questo: