Pubblicato: Mar, Novembre 27, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

Addio libretto al portatore

Addio libretto al portatore

Dalla stessa data i libretti bancari o postali al portatore non possono più essere trasferiti da un portatore ad un altro. Per quanto riguarda le banche, non si conoscono le cifre precise, ma occorre tenere presente che la gran parte dei libretti al portatore è raccolto dalla Poste. Il promemoria arriva da un comunicato del Ministero dell'Economia e delle Finanze.

Il Mef ha ricordato che già a decorrere dal 4 luglio 2017, con il recepimento nella normativa italiana della IV direttiva europea antiriciclaggio, banche e Poste italiane sono tenute a emettere esclusivamente libretti di deposito nominativi.

L'ABI rinnova l'iniziativa di sensibilizzazione sulle principali regole di utilizzo dei libretti al portatore contenute nel Decreto legislativo n. 231 del 2007, che disciplina la normativa di prevenzione dei fenomeni del riciclaggio dei proventi da attività criminose e di finanziamento del terrorismo aggiornata con il Decreto legislativo n. 90 del 2017.

Entro il 31 dicembre scatterà l'obbligo di estinzione per i libretti al portatore.

More news: Test Jerez Moto2 day1: Baldassarri è il più veloce

I vecchi libretti al portatore, sia bancari sia postali, sono pronti ad andare in pensione.

Chi attualmente è in possesso di un libretto postale al portatore dovrà presentarsi allo sportello di Poste Italiane (o della banca se si tratta di libretto bancario) che ha emesso il libretto entro e non oltre il 31 dicembre 2018.

Ovviamente queste operazioni si dovranno compiere entro il 31 dicembre. Ora entra nel vivo l'ultima fase della norma di adeguamento, che evidentemente contrasta tutti i titoli al portatore, non riferibili a un soggetto specifico e di conseguenza non efficaci nel tutelare l'economia finanziaria dalle infiltrazioni criminali.

Dopo il 31 dicembre quindi i libretti al portatore saranno inutilizzabili. Ciò significa che banche e Poste italiane non potranno dar seguito a richieste di movimentazioni sui predetti libretti e, fermo restando l'obbligo di liquidazione del saldo del libretto a favore del portatore, saranno obbligate a effettuare una comunicazione al Ministero dell'economia e delle finanze, che applicherà al portatore "fuori tempo massimo" una sanzione amministrativa da 250 a 500 euro.

Come questo: