Pubblicato: Sab, Novembre 17, 2018
Medicina | Di Gottardo Magnano

Morbillo, 800mila giovani da vaccinare - Giornale di Sicilia

Morbillo, 800mila giovani da vaccinare - Giornale di Sicilia

A livello di tempistica, sottolinea, "ci siamo dati l'obiettivo di portare il provvedimento in approvazione alla Conferenza Stato-Regioni a fine gennaio, sperando di giungere in quella sede avendo già avuto un dialogo condiviso di assunzione di responsabilità con le altre istituzioni coinvolte". Tra i cento casi segnalati nel personale sanitario, 83 operatori non erano mai stati vaccinati, mentre 8 erano stati vaccinati in maniera incompleta. Va ricordato, avverte Galli, che "ogni caso di morbillo è potenzialmente in grado di causare 16-18 casi secondari". Nei giorni scorsi, in concomitanza con i casi di morbillo a Bari, aveva lanciato l'idea di una proposta di legge per introdurre una nuova ipotesi di reato per sanzionare penalmente chi con la sua condotta mette a repentaglio la salute della collettività, rilanciandola su Facebook. "È quindi assolutamente inaccettabile che un operatore sanitario non sia protetto e di conseguenza non protegga i suoi assistiti, evitando di contribuire alla diffusione dell'infezione". Ed e' a questa fascia d'eta' che il prossimo Piano nazionale di eliminazione della malattia, fermo ancora al 2015, dedichera' particolare attenzione. "E altrettanto necessario è provvedere alla vaccinazione degli operatori sanitari non vaccinati e che non abbiano contratto il morbillo nell'infanzia". Basta dunque, chiede la Simit, con le posizioni "contraddittorie, che generano confusione e favoriscono gli irresponsabili".

L'infezione si trasmette tramite le secrezioni naso-faringee direttamente o veicolate da goccioline dal soggetto malato alle mucose delle vie respiratorie ed congiuntive dell'individuo recettivo. "Ogni ulteriore sottovalutazione in questo momento - conclude - può essere foriera di pericolose conseguenze ai danni della salute pubblica".

More news: Merkel: "Tutti i Paesi Ue rispettino la stabilità"

UN piano sul morbillo che prevede di mantenere l'obbligo della vaccinazione per chi ha tra zero e 16 anni e in più si appresta a coinvolgere 800mila adolescenti e giovani nella strategia di prevenzione. Una situazione questa che secondo il Presidente dell'Istituto Superiore della Sanità se non verrà controllata potrà portare a epidemie anche ben più gravi. Quanto al come attuarlo, Ricciardi osserva che "c'è una legge sulla sicurezza sui luoghi di lavoro che obbliga datore di lavoro e lavoratore ad attuare le misure per la prevenzione dei rischi, e non c'è rischio più evidente di quello della malattia".

Come questo: