Pubblicato: Gio, Novembre 15, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

Nicchi: "Sono preoccupato per quanto accaduto nel Lazio"

Nicchi:

Ancora violenza nel calcio dilettantistico, e questa volta gli arbitri dicono basta.

Poteva trasformarsi in una tragedia: un ragazzo di 24 anni è stato aggredito al termine della partita tra la Virtus Olympia e l'Atletico Torrenova, valevole per il campionato di Promozione. L'AIA non accetterà mai di mandare al massacro centinaia di ragazzi senza che qualcuno se ne preoccupi.

L'arbitro è stato raggiunto da alcune persone non identificate che hanno scavalcato il cancello di accesso agli spogliatoi e l'hanno colpito con alcuni pugni (dileguandosi subito dopo), facendo cadere in terra il direttore di gara, che ha sbattuto la testa e perso i sensi.

More news: Risultati e classifica: vittoria della Juventus su un Milan mediocre

Sull'episodio avvenuto al campo sportivo "Francesca Gianni" di via Casal di San Basilio indagano intanto i carabinieri. Questo è intollerabile. Nessuno può permettersi di infangare con comportamenti inqualificabili, non solo nello sport ma anche nella società civile, il lavoro quotidiano dei tanti che insistono ed investono sui principi di lealtà e correttezza propri dell'attività sportiva, che assicurano incontri accesi dal punto di vista agonistico, ma disputati nella massima serenità e nel rispetto degli avversari e dei direttori di gara, e che ora si vedono dipinti come violenti ed aggressivi. È accaduto un episodio gravissimo. Intanto l'Aia ha decido di "non inviare direttori di gara ai campi di gioco per tutte le partite in programma nei campionati dilettanti del Lazio".

Dopo questo ennesimo ed increscioso episodio, il Presidente dell'Associazione Italiana Arbitri, Marcello Nicchi, annuncia una presa di posizione forte e decisa per sollecitare un momento di riflessione da parte di tutti i soggetti coinvolti ma anche dell'opinione pubblica sul tema della violenza nel calcio. Si valuteranno nuove e analoghe iniziative al verificarsi di ogni ulteriore episodio di violenza grave.

"Della situazione generale annosa e dell'iniziativa in particolare sono stati informati il presidente federale, il presidente della Lega nazionale dilettanti e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega per lo Sport", conclude il comunicato dell'Aia.

Come questo: