Pubblicato: Lun, Novembre 12, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Incendio in California: 6.700 edifici mangiati dalle fiamme

Incendio in California: 6.700 edifici mangiati dalle fiamme

Le fiamme sono arrivate fino a Malibu, dove sono state evacuate migliaia di persone. Gli incendi sviluppano molto rapidamente, in alcuni casi anche 100 acri al minuto. "I cittadini devono evacuare in fretta, eseguendo gli ordini dei pubblici ufficiali" è il tweet pubblicato da Donald Trump. Il fumo avvolge anche la baia di San Francisco, con molte zone in cui l'area è irrespirabile. "È il peggior incendio della storia della California", affermano i soccorritori, parlando di un inferno mai visto nel Golden State, eppure abituato negli ultimi anni a roghi sempre più devastanti. Questo - spiegano gli esperti - soprattutto per colpa di una siccità senza precedenti, a dispetto del Presidente Trump che non crede agli effetti dei cambiamenti climatici.

More news: Pernigotti chiude a Novi Ligure. Sindacalista: 'Nessun preavviso, gianduiotti prodotti in Turchia'

Ma per chi sul posto è impegnato in una drammatica corsa contro il tempo la polemica politica in questo momento non conta assolutamente nulla. Almeno nove persone hanno perso la vita, mentre oltre 6.700 edifici, per la maggior parte abitazioni, sono stati distrutti dalle fiamme. Secondo le ultime stime dei vigili del fuoco, il Camp Fire ha bruciato 400 chilometri quadrati di terreno; è contenuto solo per il 20 per cento delle sue dimensioni e si pensa che ci vorranno circa tre settimane per controllarlo tutto e spegnerlo. Altre quattro vittime sono state trovata in altre zone carbonizzate, nelle proprie macchine. E un mare di automobili, intrappolate, investite dal muro di fuoco e ridotte a un cumulo di cenere e ferraglia. Tutti in queste ore twittano e postano le drammatiche immagini attorno alle loro residenze. Danni enormi che rischiano di condizionare l'economia dello Stato. I vigili del fuoco della California hanno dichiarato che sei incendi sono tuttora in corso in California, di cui tre sono stati definiti "critici".

Come questo: