Pubblicato: Dom, Novembre 11, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

'For/with Libia', ecco il logo della conferenza di Palermo

'For/with Libia', ecco il logo della conferenza di Palermo

Fonti vicine al comando generale dell'Esercito nazionale libico hanno smentito al Libyan Address Journal la notizia riportata da La Stampa secondo cui il direttore dei servizi segreti per l'estero, Alberto Manenti, avrebbe convinto il generale Khalifa Haftar a partecipare alla conferenza di Palermo sulla Libia, in programma lunedì e martedì prossimi. Un congresso che dovrebbe essere altamente rappresentativo coinvolgendo tutte le realtà politiche del Paese: "È il momento di dare la possibilità ad un gruppo più ampio e più rappresentativo di libici di incontrarsi sul territorio senza interferenze esterne", ha spiegato Salamè.

Nel frattempo, il leader del Governo di Accordo nazionale, Fayez al-Sarraj, ha ultimato il suo percorso di avvicinamento al summit, compiuto in toni diamatralmente opposti a quelli del "rivale".

More news: Borse europee positive sulla scia disgelo Usa-Cina, spread in calo

Sicurezza, economia, e processo politico sono i tre pilastri necessari per la stabilità della Libia. "Proprio in questo processo di stabilizzazione si inserisce l'incontro di Palermo, che non sarà un episodio isolato ma una tappa fondamentale di un percorso lungo il quale l'Italia continuerà ad accompagnare passo dopo passo il popolo libico", prosegue la nota di Conte.

La Conferenza di Palermo, segue un'analoga iniziativa tenuta lo scorso maggio a Parigi che si era chiusa con un impegno di massima per tenere elezioni il prossimo 10 dicembre. In sostanza, la buona volontà sembra esserci anche se, qualora anche Haftar decidesse di non presentarsi, il summit si rivelerebbe poco partecipato a livello di leader. Scoperto, in particolare, il fronte dei Paesi occidentali con la sola Francia ad aver delegato un rappresentante, il ministro degli Esteri Jean-Yves Le Drian. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.

Come questo: