Pubblicato: Gio, Novembre 08, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Trump "licenzia" il ministro della Giustizia Sessions


Il ministro della giustizia Jeff Sessions si è dimesso con effetto immediato su richiesta del presidente americano Donald Trump. "Un sostituto permanente sarà nominato successivamente".

More news: Lele Mora smentisce Fabrizio Corona: ‘tra di noi ci fu sesso’

La prova che Trump si sente rafforzato da questo risultato elettorale? "Trump gli rimprovera da sempre di non aver sabotato il Russiagate: Session si ricusò nel momento in cui bisognava designare il super inquirente, dando modo al suo numero due di nominare Robert Mueller". La nomina del futuro capo della Giustizia dovrà essere approvata al Senato, ancora controllato dal Gop. Il presidente non ha mai digerito quell'episodio, in privato e in pubblico ha continuato ad attaccare Sessions, trattandolo come un inutile codardo.

Come questo: