Pubblicato: Mar, Novembre 06, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Napoletano ucciso a colpi di pistola in Messico

Napoletano ucciso a colpi di pistola in Messico

Durante l'ispezione del corpo, è stato osservato che aveva una ferita prodotta da un'arma da fuoco nella regione addominale alla sua destra.

Il corpo è stato trovato a bordo di un'auto a Tepechitlan, nello Stato di Zacatecas: l'uomo è stato raggiunto da almeno un colpo d'arma da fuoco all'addome, ha comunicato la Procura dello Stato messicano.

More news: Juventus-Cagliari, Allegri: "Per la Champions la favorita numero uno è il Barcellona"

In Messico faceva il venditore di seghe a motore e gruppi elettrogeni. Sul posto, secondo quanto riferiscono i media locali, c'era una borsa con documenti al nome di Alessandro. Dopo il fatto, le autorità locali si messe messe in contatto con le autorità consolari italiane e la comunicazione è arrivata ai parenti del defunto, i quali avrebbero riferito che la vittima era impegnata nella commercializzazione delle motoseghe. Io che capisco il dolore spero con tutto il mio cuore che tu da lassù possa dare tanta forza alla tua famiglia!

La notizia del decesso di Alessandro sta facendo rapidamente il giro del web. Il 32enne lascia una moglie, Denise, e una figlia. A parlare della morte di Alessandro De Fabbio è anche Francesco Russo, figlio di Lello Russo, uno dei tre napoletani scomparsi in Messico da un anno. "Caro Alessandro, è inaccettabile andare in Messico per cercare di guadagnare qualche soldo per portare avanti la propria famiglia e non fare più ritorno".

Come questo: