Pubblicato: Mar, Novembre 06, 2018
Cultura | Di Socrate Ginnetti

Chi è Gio Evan

Chi è Gio Evan

"Non è quello che ci siamo dati a mancarmi, ma quello che avremmo dovuto darci ancora". Con queste parole, Elisa Isoardi sembra aver annunciato ufficialmente ai social il suo addio a Matteo Salvini.

Gio Evan all'anagrafe Giovanni Giancaspro, nasce il 21 aprile 1988 in Italia. In realtà si trattava solo di una dichiarazione di appoggio incondizionato di una donna innamorata e pronta a "dare luce al suo uomo" in un momento cruciale della campagna politica di Salvini. Comincia a studiare e vivere accanto a maestri e sciamani del posto, dai quali riceve iniziazioni sciamaniche e attivazioni al mondo vibrazionale e terapeutico (In Argentina viene battezzato come Gio Evan da un Hopi). Si avvicina così "al surrealismo, al nonsense, al gioco sacro, alla parola-terapia e al lavoro sull'anima tramite le potenze dell'arte".

More news: Infortunio più grave del previsto per Mattia Caldara

Sul perché sia finita la Isoardi parla di una inconciliabilità delle loro vite e delle tempistiche: "La nostra storia d'amore si è chiusa già da tempo: la verità è che ci siamo lasciati due mesi e mezzo fa".

Nel 2008 scrive il suo primo libro Il florilegio passato in India, che narra dei suoi viaggi, senza soldi né scarpe, nel 2012 e 2013 fonda Le scarpe del vento, progetto musicale dove scrive canta e suona la chitarra. Pubblica indipendentemente il suo primo disco "Cranioterapia", registrato in casa, e definito "un cantautorato onirico, accompagnato a tratti da armonie Blues". Molto prolifico Gio Evan, nel 2015, scrive e dirige l'opera scrive e dirige "OH ISSA - Salvo per un cielo" e pubblica il terzo libro "Teorema di un salto, ragionatissime poesie metafisiche" seguito, nel 2016 da "Passa a sorprendermi " e in quell'anno è Rizzoli a notarlo e metterlo sotto contratto, così come fa anche Giuseppe Casa, direttore artistico di MarteLive che lo invita come poeta performer al loro festival prima di offrirgli un contratto di management. E ha preferito confermare tutto da sé.

Come questo: