Pubblicato: Lun, Novembre 05, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Iran, Trump ripristina tutte le sanzioni. L'Ue: "Profondo rammarico"

Iran, Trump ripristina tutte le sanzioni. L'Ue:

L'amministrazione Trump ha annunciato il ripristino di tutte le sanzioni adottate dagli Usa nei confronti dell'Iran e revocate in base all'accordo sul nucleare firmato nel 2015 sotto la presidenza di Barack Obama. Su Twitter Trump ha postato una sua foto con la scritta "Sanctions are coming - November 2018", parafrasando il motto della nota serie tv Game of Thrones, "Winter is coming". Il segretario di stato Mike Pompeo e quello al tesoro Steve Mnuchin hanno spiegato che le sanzioni resteranno in vigore fino a che Teheran non finirà di sostenere il terrorismo, rinuncerà al suo coinvolgimento militare in Siria e fermerà completamente i suoi programmi nucleare e missilistico. Otto Paesi, che saranno indicati lunedì, saranno autorizzati ad acquistare petrolio iraniano per altri sei mesi.

Nella nota sottoscritta oltre che da Mogherini da Jean-Yves Le Drian, Heiko Maas, Jeremy Hunt, Bruno Le Maire, Olaf Scholz e Philip Hammond, si precisa che il Jcpoa "è un elemento chiave dell'architettura globale di non proliferazione nucleare e della diplomazia multilaterale, approvata all'unanimità dal Consiglio di sicurezza Onu attraverso la risoluzione 2231, ed è fondamentale per la sicurezza dell'Europa, della regione e del mondo intero". Il ministro ha accolto positivamente la decisione, frutto dello sforzo fatto dalla Turchia per convincere gli Stati Uniti che un blocco delle importazioni avrebbe avuto "un impatto negativo per la pace e l'economia dei Paesi confinanti". Anche ad un altro vicino di Teheran, l'Iraq, sarà concessa l'esenzione, con la condizione di non pagare il petrolio in dollari americani. A dichiararlo fonti del governo di Bagdad.

More news: Juventus-Cagliari, Allegri: "Per la Champions la favorita numero uno è il Barcellona"

La faccenda è interessante perché l'Italia è il principale partner commerciale dell'Iran tra i paesi europei, con il 24,3% della torta, come dimostrano i dati Eurostat elaborati dall'Ispi - e a Capitol Hill è stata approvata una legge, il CAATSA, che dà alla Casa Bianca la facoltà di punire compagnie o banche straniere che fanno affari in alcuni settori di un certo paese, nel caso l'Iran, con multe o altre restrizioni alle attività negli Stati Uniti di queste società. "Le nostre azioni mirano a colpire il regime, non il popolo", ha aggiunto.

Per questo motivo l'Unione Europea continuerà ad impegnarsi a "proteggere gli operatori economici europei" e a mantenere aperti i "canali finanziari effettivi con l'Iran" e le "esportazioni di petrolio e gas".

Come questo: