Pubblicato: Mer, Ottobre 31, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

Di Maio cede sulla Tap, rivolta anti-M5S in Puglia dimensione font +

Di Maio cede sulla Tap, rivolta anti-M5S in Puglia dimensione font +

Non ha paura di rischiare l'espulsione dal Movimento? Allora sono stati una quarantina i reietti, espulsi.

L'ipotesi che M5S e Lega puntino a blindare il testo con la fiducia è concreta, ma nelle prossime ore si cercherà di arrivare ad un punto di caduta.

C'è tensione all'interno della maggioranza al Senato sul decreto sicurezza (COSA PREVEDE), sul quale non si placa la pressione dei "dissidenti" del M5s. Un gesto di distensione, un tentativo di evitare la rottura?

Così il nozionismo - anzi, il "nonsonismo" prêt-à-porter - i pezzettini di informazione rimasticati e riutilizzati a proprio uso e consumo comunicativo, il googlismo forsennato sono diventati il nuovo standard della paracultura italiana, già ampiamente provata dal trentennio della tv commerciale. Visto che siamo in famiglia, è bene che ce lo diciamo: "questi cedimenti non possiamo permetterceli". De Falco conferma: "Ha ragione, non credo che il problema siano i nostri emendamenti". "Dalla compattezza della testuggine del Movimento dipendono il futuro del governo e del Paese".

L'ambizioso progetto coinvolge Azerbaigian, Georgia e Turchia, il Trans Anatolian Pipeline che si trova nella sola Turchia, e infine il Trans Adriatic Pipeline, che attraversa Grecia e Albania per approdare in Italia. Come lo era la testuggine romana, una formazione di fanteria dell'esercito romano che era di grande complessità perché richiedeva un importante coordinamento collettivo. "Se il filo si spezza uscirebbero allo scoperto tanti altri parlamentari che sulla sicurezza non si sono ancora palesati", avverte un ortodosso. La Ruocco, si sussurra, è arrabbiata perché non sta passando alla Consob un uomo a lei vicina, Marcello Minenna. La ferita in Salento non si rimarginerà in fretta per questo popolo. Macchina del fango? Gli scricchiolii sono ovunque. Ci sono i due senatori Lello Ciampolillo e Saverio De Bonis e la deputata Sara Cunial che nei giorni scorsi sono intervenuti sulla vicenda del TAP chiedendo un passo indietro e dando la colpa al ministro Costa: "Sul Tap il ministro Costa sbaglia ancora". Rischi del mestiere, se è vera la definizione data Emilio Carelli di Conte, "scudo umano".

More news: Allerta meteo, scuole chiuse in diversi Comuni: a Roma si sta valutando

Un solo voto di differenza tra maggioranza e opposizione in commissione Affari costituzionali del Senato.

I tre paesi coinvolti nella realizzazione del gasdotto hanno l'obbligo di non modificare, evitare o limitare l'accordo senza il consenso unanime delle parti. Nessun pericolo per la maggioranza, perché sulla sicurezza Fratelli d'Italia è pronta a dare una grossa mano.

Ma il messaggio che il Capo Politico del M5S vuole lanciare è un altro. Così come non basta una laurea per dirsi "migliori" - e in fondo nessuno è "migliore", semmai è più preparato o più adeguato per qualità e retroterra - non basta neanche tagliarsi i compensi (versandone una parte alla galassia di entità che controlla il movimento) per farlo.

Hanno conquistato celebrità facendo del male al Movimento 5 Stelle e agli elettori 5Stelle di cui dovrebbero essere portavoce, mentre invece sono portavoce solo dei loro interessi politici personali, per acquistare visibilità e notorietà personale a costo di danneggiare la comunità politica di cui fanno (facevano?) parte.

Come questo: