Pubblicato: Mar, Ottobre 23, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

Reddito cittadinanza: sarà attribuito senza domanda

Reddito cittadinanza: sarà attribuito senza domanda

Come faranno i cittadini italiani poveri e senza lavoro ad ottenere, a partire dal prossimo anno, il famigerato reddito di cittadinanza? Anche se il debutto non avverrà a gennaio, ma qualche mese più tardi, in primavera.

Sempre dal palco della manifestazione Italia 5 Stelle, la presidente della commissione Lavoro del Senato, Nunzia Catalfo, ha fornito ulteriori dettagli sul provvedimento di cui è considerata la madre.

"Il reddito è una misura che cambierà il modo di pensare - ha sottolineato -".

Nunzia Catalfo, dal palco 5 Stelle, ha ribadito che l'assegno sarà calcolato in base al numero dei componenti del nucleo familiare (il tetto massimo sono 1.170 euro ad oggi) e che saranno obbligati a partecipare ai corsi professionali organizzati dai centri per l'impiego e a svolgere 8 ore di volontariato. "Il reddito di cittadinanza non può essere slegato dalle politiche attive che le Regioni hanno in campo per la lotta alla disoccupazione, altrimenti sarebbe solo uno strumento di assistenzialismo che non offrirebbe al cittadino che lo ottiene alcuna reale possibilità di tornare nel mondo del lavoro".

More news: M5s: "Nessun problema con la Lega, ma quel condono non lo votiamo"

"Non si dovrà andare allo Stato a chiedere una cortesia - ha detto Laura Castelli - Non sarà il cittadino che dovrà vagare chiedendo 'scusa, io ho diritto al reddito?' ma sarà lo Stato a venire da voi e dire voi avete diritto al reddito di cittadinanza". "Per troppo tempo questo non è successo", ha rimarcato il sottosegretario. Aiutateci a fare in modo che non ci sia più paura verso il reddito di cittadinanza.

Si torna a parlare di Reddito di cittadinanza, misura economica volta a combattere la povertà nel nostro Paese, e delle modalità di erogazione.

Per ottenerlo si deve assicurare allo Stato la volontà di entrare in un progetto di reinserimento sociale (per questo è di necessaria importanza una riforma dei centri per l'impiego). Dunque, ogni cittadino dovrà avere un unico sportello di riferimento.

Come questo: