Pubblicato: Gio, Ottobre 18, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Crimea, bomba all'università: i feriti vengono portati via

Crimea, bomba all'università: i feriti vengono portati via

"Il sospetto assalitore si è sparato". La Crimea ha dichiarato tre giorni di lutto e il presidente russo, Vladimir Putin, ha espresso le condoglianze a parenti e amici delle vittime. Nel 2008 si è costituita a Kerch l'associazione 'Cerkiò (Comunità degli Emigrati nella Regione di Crimea - Italiani di Origine) che ha come obiettivo la "salvaguardia e la promozione della conoscenza della lingua e della cultura italiane" e la ricostruzione della storia della comunità. Tutte le vittime sono morte in seguito a ferite da arma da fuoco.

Intanto, il sito Russia Today avrebbe intervistato 2 presunti testimoni oculari dell'accaduto.

L'autore dell'attacco al college era uno studente che poi si è ucciso. Il suo corpo sarebbe stato ritrovato all'interno dell'edificio.

Alcuni media locali raccontano che prima dell'esplosione si siano sentiti dei colpi di arma da fuoco.

More news: Cecilia Rodriguez parla di Francesco Monte: 'Non mi è indifferente'

Sale a 18 morti e oltre 40 feriti il bilancio della bomba esplosa all'interno del Politecnico della città portuale di Kerch, nella penisola di Crimea. Fonti del Cremlino fanno sapere, tramite il portavoce Dmitry Peskov, che non è da scartare l'ipotesi di un attacco terroristico.

In un primo momento si pensava fosse una fuga di gas, ma ora arrivano le conferme da Mosca: l'esplosione avvertita nell'istituto scolastico di Kerch in Crimea (terra ucraina ma ora "sotto la giurisdizione" della Russia dopo i ben noti fatti degli scorsi anni, ndr) è stata una vera e propria bomba. Lo ha annunciato il governatore della Crimea Sergei Aksyonov secondo quanto riportato dall'agenzia Itartass.

All'istituto di Kerch dove oggi è avvenuta l'esplosione sarebbero entrati in azione uomini mascherati e armati di mitra, che sarebbero usciti dai bagni proprio nel momento dello scoppio.

L'esplosione, secondo quanto affermato dal comitato nazionale antiterrorismo ai giornalisti, è stata causata da un ordigno rudimentale pieno di schegge, ha spiegato il vice direttore della Guardia nazionale, Sergei Melikov. Le autorità parlano di terrorismo. Lo riporta Meduza, sito di informazioni online. Altre 70 sarebbero rimaste ferite.

Come questo: