Pubblicato: Sab, Ottobre 13, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

Carburanti, da oggi cambia tutto. Ecco tutte le novità

Carburanti, da oggi cambia tutto. Ecco tutte le novità

Inizialmente, le nuove etichette saranno affiancate alle vecchie a cui tutti sono abituati, che però dovrebbero progressivamente sparire.

LE NUOVE SIGLE - Le nuove etichette avranno delle lettere e dei numeri inscritti all'interno di tre forme geometriche: la sagoma di quelle per la benzina è circolare, quella delle etichette per il gasolio è quadrata mentre la sagoma delle etichette per i carburanti gassosi è a forma di rombo. Ma per essere ancora più sicuri ora si cambia, al distributore arrivano le etichette 'green', posizionate sia sugli erogatori che sui tappi dei serbatoi. "Tutto è nato - spiegano all'Unione Petrolifera (Up) - dall'esigenza di rendere uniforme, in un contesto di sviluppo dei carburanti alternativi, le etichette dei vari carburanti, anche per evitare confusione nei rifornimenti". Più, un eventuale numero che sta ad indicare la loro percentuale "ecologica" ma in realtà è solo "colpa" di un recepimento letterale del regolamento Ue che, in Italia, non farà grande differenza.

Funzionamento simile per il gasolio, contrassegnato dalla lettera B, che indica i componenti biodiesel.

More news: Ucraina, Shevchenko: "Sarà dura. Modello? Ancelotti mi ha dato tanto"

È da oggi, 12 ottobre 2018, che sono entrati in vigore i nuovi "nomi" o meglio sigle dei carburanti dell'Unione Europea: E10 o E5 al posto della storica benzina, verde o trasparente che fosse (ai bei tempi rossa e piombata, ndr) B10 o B7 al posto di gasolio o banalmente diesel, come noto per tutti gli automobilisti. Sulle etichette dei combustibili gassosi, quelle di forma romboidale, sarà indicato H2 per l'idrogeno, CNG per il metano ("gas naturale compresso") e LPG per il GPL (il "gas di petrolio liquefatto").

Secondo Alberto Musso, responsabile area tecnica dell'Anfia, per l'automobilista sarà sufficiente, prima del rifornimento "controllare il tipo di combustibile del proprio veicolo, per poterlo associare immediatamente con quello dell'impianto di distribuzione". Sono coinvolti nella nuova etichettatura anche i veicoli elettrici: è infatti in preparazione una norma specifica. "Inoltre incentiverà la razionalizzazione/ammodernamento della rete".

Come questo: