Pubblicato: Mer, Ottobre 10, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Collisione tra due motonavi al largo della Corsica e di Capraia

Collisione tra due motonavi al largo della Corsica e di Capraia

Allarme inquinamento in mare al largo della Corsica a causa della collisione tra due navi avvenuta a circa 14 miglia da Capo Corso. Ad essere coinvolte nell'incidente, la portacontainer "Cls Virginia", battente bandiera cipriota, e la motonave tunisina "Ulisse" che trasporta camion e auto. Il portavoce ha quindi ricordato che "non sono stati segnalati feriti né vittime". Si tratta della Nos Taurus di Livorno, Bonassola di Genova e della Koral da Olbia. Sotto il coordinamento delle autorità francesi e in applicazione del piano d'intervento RamogePol (tra Francia, Italia e Principato di Monaco per la lotta contro gli inquinamenti marini accidentali nel Mediterraneo) la Guardia Costiera italiana continua il monitoraggio dell'area con mezzi aerei e navali (anche una motovedetta 409 con speciali apparecchiature per verifiche ambientali) per conto del ministero dell'Ambiente per la messa in sicurezza del tratto di mare. Le operazioni, da quanto si apprende, riguardano la posa di panne di contenimento per limitare lo spostamento degli idrocarburi e la bonifica delle acque.

La Commissione europea segue la vicenda: "Siamo informati della collisione e insieme all'Agenzia europea per la sicurezza marittima stiamo monitorando gli sviluppi, in particolare per quanto riguarda la pulizia della marea nera", ha affermato un portavoce dell'esecutivo comunitario, e "siamo in contatto con le autorità italiane".

Nessuna delle due navi ha riportato un infortunio. Sul posto è già operativo inoltre uno dei tre mezzi antinquinamento di 'Castalia', concessionaria del servizio di antinquinamento nazionale.

More news: MotoGP Thai, Valentino Rossi: "Sto facendo di tutto"

Introdurre norme "precise sulla protezione e sulla tutela del Santuario dei Cetacei una scelta non più rinviabile".

Dall'Italia sono partite sei imbarcazioni: tre di queste, appunto, hanno caratteristiche operative 'anti inquinamento' e sono del consorzio Castalia, di cui una è salpata proprio da Livorno.

Come questo: