Pubblicato: Ven, Ottobre 05, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Tsunami in Indonesia, trovati oltre 1.200 cadaveri

Tsunami in Indonesia, trovati oltre 1.200 cadaveri

Si sono verificati anche crolli di edifici.

Il forte sisma avvenuto in Indonesia nella giornata di ieri, di magnitudo 7.5, ha provocato uno tsunami intenso. 15 minuti più tardi, un'altra scossa di magnitudo 6 nella stssa zona ad una profondità di 30 chilometri. Non si hanno la momento segnalazioni di danni a persone o cose, né è stata emessa alcuna allerta tsunami.

A riportare i primi dati certi è stato Komang Adi Sujendra, direttore dell'Ospedale di Palu, città capoluogo della provincia indonesiana colpita dallo tsunami.

Si teme che il tragico bilancio dei morti possa continuare a salire perché molte delle zone colpite non sono state ancora raggiunte. Pare non siano stati coinvolti italiani: lo confermano fonti della Farnesina secondo cui l'Unità di crisi, in collaborazione con l'ambasciata italiana in Indonesia e le autorità locali, ha seguito fin dal primo momento gli eventi e continua a fare ogni verifica necessaria. "Stiamo agendo d'urgenza per inviare aiuti a chi è stato più colpito in Indonesia - ha affermato - i nostri pensieri vanno alle vittime ed alle squadre di soccorso che stanno lavorando senza sosta per salvare vite".

More news: Aereo di linea sbaglia atterraggio su un'isola sperduta e finisce in acqua

Più della metà dei 560 detenuti in una prigione di Palu sono fuggiti dopo che le sue mura sono crollate durante il terremoto. "L'aeroporto è danneggiato e l'accesso a Palu e Donggala è un grosso problema".

Servono tende, medicine, coperte e altro personale medico. "I sopravvissuti lottano per trovare cibo e acqua potabile". Ciò rende lenti e difficili i soccorsi nei prossimi giorni.

L'Unicef infine ricorda che le condizioni di decine di migliaia di bambini, per i giorni a venire, rimangono estremamente precarie. I filmati della televisione hanno mostrato persone che correvano nelle strade.

Il presidente indonesiano Joko Widodo ha chiesto al capo dell'agenzia nazionale di gestione delle calamità, al capo della polizia nazionale, al comandante militare e ai ministeri associati di intraprendere immediatamente gli aiuti di emergenza.

Come questo: