Pubblicato: Dom, Settembre 30, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

F1, Vettel indietro ma non si arrende: "Vogliamo tutta la prima fila"

F1, Vettel indietro ma non si arrende:

L'uomo della Russia. Mai Valtteri Bottas, vincitore a Sochi l'anno scorso, era stato battuto qui da un compagno di squadra e non è successo neanche oggi.

Nel 2017 le Ferrari scattarono dalla prima fila, ma Bottas riuscì a beffare sia Vettel sia Raikkonen volando verso la prima vittoria della sua carriera. Non so se è possibile ma ci proviamo. "In gara resta del lavoro da fare per mantenere questa posizione".

Dopo un venerdì che lo ha visto grande protagonista, Lewis Hamilton ribadisce che, sulla pista di Sochi, sarà dura strappargli la pole position; l'inglese della Mercedes dimostra ancora una volta di essere in grande forma mettendo in riga tutti gli avversari. Un finale da cambiare, anche se le prove libere dicono che la Ferrari è chiamata a rimontare: "Abbiamo provato tutto ma non siamo stati abbastanza veloci - chiude Sebastian -, cerchiamo di trovare le ragioni e poi vediamo".

More news: Giovanni Tria a rischio dimissioni? Lega e 5 Stelle ad un bivio

"La gara è un'altra cosa, dipende da come si parte, da come si arriva alla prima curva". "Che bella sensazione tornare in pole, mi mancava dall'Austria - le parole di Bottas in conferenza stampa - Questo circuito mi piace molto e la macchina è andata sempre migliorando".

Si preannuncia un turno di qualifiche a senso unico con le sole Mercedes a contendersi la prima fila con Vettel che dovrà trovare un giro miracoloso per recuperare i sei decimi che lo distanziano dal rivale mondiale. "Quella sarà la fase più importante". Seguono le due Ferrari con Vettel in p3 vicinissimo al finlandese della Mercedes mentre Raikkonen, più distante, finisce il primo stint a ben otto decimi dalla testa. La notte della vigilia sarà lunga, per il garage di Maranello.

Come questo: