Pubblicato: Dom, Settembre 23, 2018
Medicina | Di Gottardo Magnano

La dieta-antinfiammatoria che riduce del 18% la mortalità

La dieta-antinfiammatoria che riduce del 18% la mortalità

Sono stati poi evidenziati quelli che invece vanno considerati i cibi in grado di procurare infiammazione, troviamo in questa categoria le patatine, torte e anche biscotti. A colazione cereali integrali, noci e cioccolato fondente.

Secondo lo studio condotto all'University of Texas Southwestern Medical Centre, i topi, su un piano ridotto di calorie, che mangiano solo durante il loro normale ciclo di alimentazione erano gli unici tra cinque gruppi a perdere peso, nonostante consumassero la stessa quantità di cibo di un altro gruppo che si alimentava durante il loro periodo di riposo. E' stata condotta su 68.273 uomini e donne svedesi con età compresa tra i 45 e gli 83 anni.

More news: Sputo a Di Francesco, quattro turni a Douglas Costa

A dimostrare che la dieta ant-infiammatoria è un elisir di lunga vita un team di ricerca internazionale guidato da studiosi dell'Università delle Scienze della Vita-SGGW di Varsavia (Polonia), che hanno collaborato a stretto contatto con i colleghi dell'autorevole Karolinska Institutet di Stoccolma, del Centro Ricerche sul Cancro Fred Hutchinson di Seattle e dell'Università di Uppsala, Svezia. Di fatto pare che ridurrebbe la morte per cancro e cause cardiovascolari inoltre potrebbe essere importante anche per i fumatori.

Da ridurre o da evitare sono alcuni cibi che aumentano l'infiammazione nell'organismo, come la carne rossa, i grassi che si trovano negli alimenti fritti, l'olio di semi di soia, i dessert, i gelati, l'alcol in eccesso, le bevande gassate e zuccherate. Con la dieta anti-infiammatoria l rischio di mortalità associato al cancro è sceso del 13%. I fumatori che hanno seguito la dieta anti-infiammatoria hanno evidenziato un rischio di mortalità più basso rispetto a coloro che avevano il vizio delle "bionde" ma non la seguivano, dunque manifesta un fattore protettivo anche in chi è particolarmente esposto a eventi cardiovascolari e altre patologie fatali.

Come questo: