Pubblicato: Ven, Settembre 21, 2018
Cultura | Di Socrate Ginnetti

Rai, pubblicità in tv e amministrative: vertice ad Arcore Berlusconi-Salvini

Rai, pubblicità in tv e amministrative: vertice ad Arcore Berlusconi-Salvini

Come dire: il summit di Arcore di domenica scorsa ha evidentemente sancito il disgelo tra il leader della Lega e l'ex premier.

Al quale interverrà anche Giorgia Meloni. In pole position per il Tg1 c'è sempre Gennaro Sangiuliano, sostenuto dal centrodestra, a meno che la spunti Alberto Matano, che potrebbe essere dirottato al Tg2. Due realtà che il segretario della Lega tiene ben distinte, e per capire se la coalizione riuscirà a trovare un'intesa bisognerà aspettare il prossimo incontro. Peggio ancora: Salvini e Berlusconi decidono di dare il via libera a Marcello Foa nonostante tutti i costituzionalisti consultati abbiano ripetuto che la legge non permette di riproporre una candidatura già bocciata dalla commissione di vigilanza. Hanno votato a favore Lega, M5S e Fdi.

More news: A Bari c'è chi dice no a Salvini

"Sulla nomina del presidente della Rai c'è stato un errore di metodo". Risultato positivo anche se non definitivo. Mentre sulla manovra ha sottolineato che il lavoro si svolge notte e giorno e la prossima settimana arriveranno anche "numeri e tabelline" e che "prima viene la crescita e poi vengono i vincoli". Nel loro menù - come riporta La Stampa di oggi - ci sono i timori del Cavaliere, quelli dettati dalle minacce del Movimento 5 Stelle sui tetti alla pubblicità in tv, che ridimensionerebbe le finanze di Mediaset e non solo. Lo scrive su Twitter Benedetto Della Vedova, coordinatore di +Europa. I pentastellati, infatti, sono stati complici silenziosi della trattativa tra Lega e Fi che aveva sul piatto la presidenza della Rai e l'alleanza alle regionali, compresa la mia Basilicata. Dall'entourage del vicepremier e capo politico del M5S Luigi Di Maio, spiegano all'Adnkronos che "Berlusconi non potrà mettere le mani sulla Rai in alcun modo".

In un'intervista a Libero la leader di Fratelli d'Italia ha lanciato un appello a Salvini affinché non tradisca gli elettori rinunciando al taglio delle tasse per il reddito di cittadinanza. "Si tratta di altro materiale per gli avvocati".

Come questo: