Pubblicato: Sab, Settembre 15, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Uragano Florence si abbatte sulle coste USA

Uragano Florence si abbatte sulle coste USA

A rischio ci sono 20 milioni di persone e per oltre 1 milione è stata ordinata l'evacuazione. Gli abitanti della costa hanno installato pannelli di truciolato davanti alle loro finestre e riempito sacchi di sabbia per proteggere le loro case dai forti venti e dalle piogge torrenziali.

Oltre 460 mila case sono già rimaste senza elettricità, prevalentemente in North Carolina, per l'arrivo di Florence.

Nel Nord e nel Sud della Carolina il centro nazionale per gli uragani il prevede "alluvioni catastrofiche". "Non avete mai visto niente di simile", ha detto Roy Cooper, il governatore del North Carolina. "Siate prudenti, non scommettete sulla vostra vita cercando di affrontare questo disastro".

L'uragano e' stato declassato a categoria 2 (su un massimo di 5) a causa dell'indebolimento dei venti, passati da 225 a 165 km orari, ma conserva ancora intatto tutto il suo potenziale distruttivo. Problemi anche in South Carolina, con il governatore Henry McMaster che ha sottolineato: "Sta arrivando un temibile uragano, non vogliamo che si corrano rischi in South Carolina". Lo stesso per i cittadini dello stato della Virginia. Ad aiutare la popolazione locale, anche l'esercito, che ha inviato una trentina di navi.

More news: Edoardo Angela è più bello del padre Alberto, il web impazzisce

Il timore è che prima di abbattersi sul continente la tempesta possa rafforzarsi ulteriormente.

L'uragano Florence è vicino alla costa est degli Usa e fa ogni ora più paura. L'uragano Florence è sceso a categoria 1, ma questo secondo gli esperti renderà più difficile la situazione nei due Stati dove stazionerà per maggior tempo, carico delle sue violente piogge.

Quando nella notte tra giovedì e venerdì toccherà terra, Florence rischia di provocare un disastro.

Il problema più grave al momento è però dato dallo "storm surge", l'onda di tempesta alta diversi metri che sta sommergendo le coste del nord Carolina, così tanto da addentrarsi anche nelle zone più interne pianeggianti in perfetto stile tsunami.

Come questo: