Pubblicato: Gio, Settembre 13, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

Milano, primo giorno per Starbucks: tutti in coda per il caffè

Milano, primo giorno per Starbucks: tutti in coda per il caffè

No, le persone in attesa non volevano inviare raccomandate o pacchi, ma cercavano di essere i primi a mettere piede nel primo negozio Starbucks in Italia.

Altra catena italiana, cresciuta all'estero, è Caffè Pascucci, Alle spalle c'è l'omonima famiglia marchigiana, che l'ha avviata nel secondo dopoguerra.

More news: Starbucks arriva a Milano, polemica sui prezzi

Il primo Starbucks di Milano è diverso anche nella proposta. Soprattutto quelli che, anche a giorni dall'apertura (avvenuta venerdì 7 settembre), continuano a sorbirsi ore di coda (come Fanpage.it ha documentato) pur di poter assaggiare i prodotti offerti dalla catena statunitense, che in piazza Cordusio ha aperto una delle tre "Starbucks reserve roastery" (una vera e propria torrefazione) presenti al mondo. Questa operazione infatti, porterà il risparmio al colosso americano di buona parte dei costi di trasporto del prodotto che sinora arrivava dagli USA al nostro continente e che quindi rappresentava, verosimilmente, nel bilancio annuale aziendale, uno dei costi più onerosi. Anzi, nelle ultime ore sui social sta nascendo una mappa delle migliori torrefazioni della città: l'idea è venuta all'assessore all'Urbanistica Pierfrancesco Maran, che sulla propria pagina Facebook ha lanciato una specie di sondaggio semiserio, chiedendo ai milanesi di indicare la preferita. Sono stati assunti 300 dipendenti alcuni provenienti da comunità, lavoratori appartenenti alle categorie protette. Piuttosto caro, in effetti: per degustare un espresso da Starbucks a Milano bisogna sborsare 1,80 €, per un americano siamo sui 3,5 euro e addirittura 4,5 € per un delizioso cappuccino. Abbiamo grande rispetto per la cultura italiana del caffè e sappiamo bene che non è scontato avere anche qui il successo che Starbucks ha avuto nel mondo.

Starbucks offre ai suoi clienti, inoltre, una serie di miscele lavorate con l'azoto liquido, come il Nitro Flat White, una vellutata di latte e caffè al costo di 6 euro. Sì, però è arrivato solo dopo i centocinquanta Matcha Cafè in cui si degusta questo verdissimo caffè giapponese, o eventualmente un matcha latte - fate voi - intanto è l'alternativa healthy all'espresso, un super antiossidante e altre parole molto milanesi.

Come questo: