Pubblicato: Gio, Settembre 13, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

L’annuncio del governo: "Arriva il taglio delle accise sulla benzina"

L’annuncio del governo:

"Presenteremo martedì una proposta che Matteo Salvini già conosce".

Il leghista e sottosegretario all'Economia, Massimo Bitonci, ha recentemente annunciato che il Governo è pronto ad effettuare un taglio sulle accise. L'obiettivo è quello di tagliare le accise più vecchie sulla benzina, anche se ad oggi è difficile quantificare le cifre: "Stiamo ancora facendo i conteggi, sarà un primo segnale", spiega Bitonci.

Ci sarà un primo sfoltimento, cancelleremo quelle più datate nel tempo [.] Di quanto saranno tagliate? "Io non dico leviamo tutto, ma abbiamo una accisa ancora per il finanziamento della Guerra in Etiopia, che credo sia finita da un bel pezzo".

"Ci sarà una misura sulle aliquote Irpef per il 2019, e anche una riduzione delle accise sulla benzina. Poi per il 2020-2021, Salvini ci ha chiesto di preparare una flat tax".

More news: Migranti, Salvini: "Rimpatriarli tutti? Ci metteremo 80 anni"

Dal primo gennaio 2013 il valore dell'accisa è stato stabilizzato e fissato: l'addizionale sulla benzina è di 72,8 centesimi al litro.

Nel 2017 lo Stato ha incassato 25,7 miliardi di euro dalle accise sui prodotti energetici, scrive Il Messaggero. Di media dovrebbero risparmiarsi circa 20 centesimi per ogni litro di benzina: "È un tema che sta molto a cuore a Matteo Salvini". Una specie di nuova legge Tremonti. Sul tavolo ci sarà comunque la proposta di una flat tax con più aliquote.

Due sono le ipotesi ora allo studio del governo: "Una ulteriore riduzione delle aliquote Irpef oppure una flat tax progressiva. Il punto di partenza resta il taglio del primo scaglione". I commenti non devono necessariamente rispettare la visione editoriale de Il Sole 24 ORE ma la redazione si riserva il diritto di non pubblicare interventi che per stile, linguaggio e toni possano essere considerati non idonei allo spirito della discussione, contrari al buon gusto ed in grado di offendere la sensibilità degli altri utenti. "Applicheremo l'aliquota del 15% fino a 65 mila euro, poi cui sarà un'aliquota incrementale del 5% fino a 100 mila, si pagherà, cioè, solo sulla parte che supera i 65 mila euro".

Come questo: