Pubblicato: Mer, Settembre 12, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Proteste in Russia, fermati centinaia di dimostranti

Proteste in Russia, fermati centinaia di dimostranti

Nel frattempo, mentre le urne erano aperte, migliaia di persone sono scese in piazza e nelle strade di diverse città della Russia per protestare contro il disegno di legge che riforma le pensioni: da 60 a 65 anni per gli uomini entro il 2028; da 55 a 60 anni per le donne entro il 2034.

Secondo quanto riporta l'ong Ovd-Info, l'ong per la difesa dei diritti umani, gli arresti sarebbero avvenuti in diverse città: 354 persone sono state fermate a San Pietroburgo, 124 a Ekaterinburg, 60 a Krasnodar, 48 a Perm, 36 a Mosca, 32 a Omsk, 22 a Kazan. A Mosca, impegnata oggi nelle elezioni del sindaco, almeno duemila persone si sono radunate in piazza Pushkin gridando slogan contro il presidente Vladimir Putin. Il leader dell'opposizione, Navalny, è stato recentemente condannato a 30 giorni di arresto amministrativo e non ha potuto prendere parte alle proteste. "Per 18 anni Putin e il suo governo si sono serviti del badget dilapidandolo per progetti senza senso".

Nonostante i divieti delle autorità, la gente si è riversata in piazza per manifestare contro le decisioni del governo.

More news: Di Maio promette: "Entro l'anno stop alle aperture domenicali dei negozi"

Le manifestazioni si sono tenute in concomitanza con le elezioni regionali e comunali che hanno interessato vaste aree del Paese, tra cui la capitale Mosca.

Ruslan Shaveddinov, l' ex coordinatore della campagna elettorale di Navalnyj, è stato prelevato dagli agenti antisommossa ancora prima dell'inizio delle manifestazioni. La Russia era uno dei pochi paesi in Europa in cui si poteva lasciare il lavoro presto e per cui ora Putin ha ritenuto "inevitabile" innalzarla per essere al pari degli altri stati. Alle 12 di oggi, a Mosca aveva votato l'8,17% degli aventi diritto. Anche il nazionalista Vladimir Zhirinovskij ha protestato.

Come questo: