Pubblicato: Ven, Settembre 07, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

F1, McLaren saluta Vandoorne. Dal 2019 Norris farà coppia con Sainz

F1, McLaren saluta Vandoorne. Dal 2019 Norris farà coppia con Sainz

A poche ore di distanza dall'annuncio dell'addio di Stoffel Vandoorne, il team inglese ha infatti ufficializzato l'entrata in squadra del 18enne astro nascente della Formula 1. Britannico di Bristol, compirà 19 anni a novembre. Il passaggio alla power unit Renault ha evidenziato le carenze del telaio e dell'affidabilità, che in precedenza erano sempre state negate dal team di Woking.

L'amministratore delegato Zack Brown ha commentato così l'accordo raggiunto con il giovane Norris: "Siamo lieti di poter finalmente rivelare la nostra formazione per la stagione 2019. Crediamo che Lando sia un talento entusiasmante, pieno di potenzialità, che abbiamo deliberatamente tenuto all'interno della McLaren esattamente per questo motivo. Sappiamo già che è veloce, impara in fretta ed è molto maturo nonostante l'età".

More news: Matrimonio Ferragni Fedez: i 10 dettagli che (forse) vi sono sfuggiti

Dodicesimo a Monza e incapace, nel suo percorso finora, di tenere il passo del blasonato compagno di box, il 26enne non ha mai convinto e per questo il team britannico non ha faticato a guardare altrove scartando sul finale le alternative Esteban Ocon e Kimi Raikkonen. Anche senza particolari successi mi sono davvero goduto questi due anni, in cui mi sono trovato bene con tutti gli elementi del team.

Il 2018 si è dimostrato un anno in gran parte da dimenticare. Anche Vandoorne, si apprende nella nota della scuderia britannica, si era formato come Test Driver della McLaren (2014) prima di essere 'promosso' a titolare di una monoposto nel 2017 al fianco di Fernando Alonso. Il pilota inglese collaborerà con lo spagnolo Carlos Sainz. "Benché la stagione 2019 sarà quella d'esordio per Lando, egli non è estraneo alla McLaren o alla Formula 1". "Siamo immensamente grati per la dedizione, il duro lavoro e l'impegno di Stoffel durante il suo periodo alla McLaren - dice il Ceo Zak Brown - E' chiaro che non abbiamo fornito a Stoffel gli strumenti per dimostrare il suo vero talento, ma durante tutto il nostro rapporto ha dimostrato di essere un fantastico giocatore di squadra". Loro rappresentano la prossima generazione di piloti.

Come questo: