Pubblicato: Mar, Settembre 04, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

Vuelta 2018: incertezza dopo la prima settimana

Vuelta 2018: incertezza dopo la prima settimana

Quasi un gioco di parole: Alejandro Valverde è in maglia verde dopo le prime sette tappe della Vuelta 2018. Quest'anno sogna di prevalere con un occhio puntato al Mondiale di Innsbruck di fine mese. Le nostre speranze sono tutte riposte in Fabio Aru. Ne ha fatto le spese anche Elia Viviani: il Campione d'Italia non è infatti riuscito a inserirsi nella mischia finale.

Rigoberto Uran è stato uno dei migliori sul primo arrivo in salita importante, e a differenza del connazionale Quintana si difende bene a cronometro; anche per lui sarebbe importante fare una bella Vuelta dopo essersi ritirato dal Tour per problemi fisici. L'americano della Dimension Data for Qhubeka è andato in fuga da lontano insieme ad altri 10 attaccanti e sulla salita finale che ha deciso la nona tappa si è dimostrato quello con più forze. A provarci sono stati Machado (Katusha), Cubero (Burgos) e Saez (Euskadi).

More news: L'Atalanta fuori dall'Europa League, il Copenaghen vince ai rigori

Domani si correrà la nona tappa della Vuelta, 200,8 chilometri da Talavera de la Reina a La Covatilla, tappa che chiuderà questo primo blocco della corsa. "Al secondo posto è infatti risalito Alejandro Valverde, anche grazie ai 4" di abbuono conquistati con il terzo posto sul traguardo, mentre Michal Kwiatkowski ha perso mezzo minuto a causa di una caduta nel vivacissimo finale ed è sceso al sesto posto della generale, scavalcato anche dal francese Tony Gallopin, che ieri ha vinto e ora si gode una ottima quinta posizione in classifica.

L'arrivo leggermente in salita, però, non ha favorito i velocisti puri e Valverde, che non era in testa, è riuscito ad uscire dal gruppo che preparava la volata e con un paio di metri di vantaggio ha chiuso su Sagan e Van Poppel. Poi il plotone ha accelerato in maniera sempre più vigorosa, come Quickstep e Bora molto impegnate, demolendo rapidamente il distacco. Saranno nove chilometri finali con pendenza media di poco più del 7% ma con molti tratti al 12%: chi vuole vincere la Vuelta attaccherà qui.

Come questo: