Pubblicato: Lun, Agosto 27, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

Napoli-Milan, Gattuso: "Mi brucia perdere così. Sul 2-1 abbiamo spento la luce"

Napoli-Milan, Gattuso:

Da Benevento a Napoli - Per quanto riguarda i "rimontati", bisognerà raccogliere in fretta le idee e cercare di ripartire da quanto di buono fatto vedere nella prima parte della sfida del San Paolo.

Presente a Napoli anche Leonardo, che ha parlato nel dopo partita ai microfoni di Sky Sport: "Perdere così dopo un primo tempo giocato molto bene lascia l'amaro in bocca - ammette - accettare questo risultato quando si era sopra di due gol resta difficile. E' questo ciò che mi rammarica". In fase passiva una sorta di 4-4-2 che ha cambiato pure i tempi del pressing che gli azzurri fino a quel momento avevano portato male, favorendo l'uscita dei rossoneri da dietro abbassando gli interni per poi cambiare gioco verticalizzando sugli esterni alti. Abbiamo fatto tutto il contrario di quello che dovevamo, interpretando la gara dal punto di vista individuale e non piu' come una squadra. "Dopo il 2-1 abbiamo spento la luce, dato gamba agli avversari non tendendo il campo con la stessa voglia e rabbia agonistica". Ecco le sue dichiarazioni: "Ci abbiamo messo del nostro". Il primo responsabile sono io. Sul 2-1 siamo scomparsi dal campo. "Un errore può capitare, ma non per questo bisogna smettere di giocare". Dobbiamo migliorare perché ci è successo diverse volte anche la scorsa stagione.

Sulle responsabilità: "Il primo gol è colpa di Musacchio che ha perso palla in una situazione scomoda". Il nostro gioco d'attacco era già abbastanza efficace.

More news: Italia, Moody's prende tempo su rating in attesa manovra 2019

La seconda vittoria stagionale ha mandato in estasi i tifosi che si sono letteralmente scatenati sul web.

Gattuso è un buon allenatore, con ottime idee e una grandissima capacità nella gestione dello spogliatoio, ma un allenatore più navigato la partita contro il Napoli la portava a casa dopo il doppio vantaggio che aveva ammutolito lo stadio San Paolo.

Come questo: