Pubblicato: Lun, Agosto 27, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Due eritrei sono riusciti a fuggire dalla Diciotti prima dello sbarco

Due eritrei sono riusciti a fuggire dalla Diciotti prima dello sbarco

Dopo le prime procedure di identificazione, i migranti sono stati trasferiti nell'hotspot di Messina, a bordo di tre autobus. Nel pomeriggio avevano lasciato l'unita' militare in 12 per ragioni sanitarie. La restante parte dei profughi "andrà in uno - due altri Paesi, ma la maggioranza, e ci ho lavorato personalmente mentre gli altri insultavano, sarà ospitata a cura dei vescovi della Chiesa italiana".

SALVINI INDAGATO - Sempre in tarda serata arriva la clamorosa svolta (che a dire il vero era ufficiosamente nell'aria) nell'inchiesta sui migranti, pronta a scuotere il mondo politico e far tremare il governo gialloverde: il ministro dell'Interno Matteo Salvini è indagato dalla Procura di Agrigento per sequestro di persona, abuso d'ufficio e arresto illegale. Parola confermate dal commissario Ue al Bilancio, Gunther Oettinger, che ha avvertito l'Italia: "Se si rifiutasse di pagare i suoi contributi violerebbe i trattati".

C'erano quattro presunti scafisti a bordo della Diciotti. "Il voto dell'Italia non c'è e non ci sarà finché non si risolve il problema migranti", ha detto il vicepremier leghista. "Felici di dare una mano all'Italia", annuncia a sera Tirana e il ministro Enzo Moavero si precipita a ringraziare.

Intanto dall'Albania è arrivata la offerta di accogliere venti migranti della Diciotti. E hanno espresso solidarietà al ministro molte voci nel centrodestra, a partire da Giorgia Meloni di Fratelli d'Italia e dal leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, che correvano assieme a Salvini alle scorse elezioni del 4 marzo.

More news: Salvini: "Dobbiamo poter riportare indietro i migranti"

"Servirebbe, al di là della situazione della nave Diciotti, una effettiva volontà dei governi europei di condividere le questioni relative ai migranti, che non possono essere lasciate solo alla geografia fisica del nostro continente", dice ancora il ministro degli Esteri. Secondo l'Anm, "nessun altro soggetto può sostituirsi ai magistrati, né suggerire o dettare le strade giudiziarie da percorrere, neanche un membro del Governo, che ha il dovere istituzionale di rispettare le prerogative costituzionali della magistratura, che, è bene riaffermarlo ancora una volta, non spreca il denaro pubblico, come è stato dichiarato, ma esercita la giurisdizione applicando la legge in linea con i principi fissati dalla Costituzione".

L'ufficio di Sanità marittima di Catania ha ordinato lo sbarco immediato dalla nave Diciotti di 17 migranti.

ISPEZIONE MEDICA A BORDO - Oggi controllo medico di ispettori del ministero della Salute, medici dell'Usmaf e regionali sulla nave. Cinque donne, infatti, si sono rifiutate di scendere per non abbandonare i loro compagni.

Le donne avrebbero subito stupri durante le permanenza nei campi della Libia, con traumi fisici e psicologici evidenti.

Come questo: