Pubblicato: Sab, Agosto 25, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

Unicredit, fuga dai Btp potrebbe essere premessa per un rally

Unicredit, fuga dai Btp potrebbe essere premessa per un rally

Fatti, numeri, commenti e approfondimenti.

Sono in aumento le vendite di titoli di stato italiani da parte di investitori esteri. I titoli di stato venduti, pertanto sarebbero rispettivamente 32-33 miliardi a giugno e 23-24 a maggio.

Il record precedente si era registrato solo il mese prima, a maggio, con un calo dei titoli italiani netti detenuti da investitori non residenti di 34 miliardi. Lo mette in evidenza il Financial Times, il quale cita dati ufficilai della Banca centrale europea. Mentre un sondaggio di Bloomberg tra alcune grandi banche, ipotizzava uno spread btp-bund a 470 punti base in caso di sforamento del tetto del 3% tra deficit e Pil.

More news: Attacco con coltello in Francia: un morto

Il primo commento politico dopo l'articolo del quotidiano britannico è stato dell'ex ministro Renato Brunetta, economista ed esponente di Forza Italia: "Tutti gli analisti della City di Londra sono concordi nel ritenere che la maxi fuga di capitali dall'Italia sia causata dal crollo reputazionale che l'Italia ha subito con l'avvento del governo giallo-verde, per effetto delle sue caratteristiche di populismo, sovranismo e anti-europeismo, e ritengono che la volatilità dello spread persisterà anche nelle prossime settimane". A comprare, dall'altro lato, ricorda il quotidiano, sono le banche italiane che nel secondo trimestre hanno incrementato i loro portafogli di titoli di stato italiani per 40 miliardi netti.

"Vi e' un tentativo dei gruppi dominanti sconfitti alle elezioni del 4 marzo - dichiara Savona a L'Unione Sarda - di causare una crisi del nostro debito pubblico, per far fallire l'esperimento del Governo in atto". Anche in questo caso si tratta di un record.

Come questo: