Pubblicato: Sab, Agosto 25, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

Crollo Genova, Atlantia al contrattacco: valutiamo effetti delle esternazioni

Crollo Genova, Atlantia al contrattacco: valutiamo effetti delle esternazioni

Le azioni, che venerdì avevano tentato un recupero dopo le pesanti perdite seguite al crollo del Ponte Morandi sull'A10 a Genova, hanno chiuso con un ribasso del 4,68% a 18,435 euro ma limitando sul finale i danni dopo che in mattinata erano arrivate a scendere fino a 17,41 euro, sui minimi da ottobre 2014. Il sito web non garantisce la correttezza e non si assume la responsabilità in merito all'uso delle informazioni ivi riportate. Misure, queste, già ampiamente preannunciate che "trovano il pieno supporto da parte di Atlantia". La capitalizzazione di mercato si attesta oggi a 15 miliardi, contro i 20,5 miliardi del 13 agosto.

Sulla nota d Atlantia il vicepremier Matteo Salvini ha commentato: "Con 43 morti ancora da seppellire, con decine di feriti, con centinaia di sfollati, invece di tacere e chiedere scusa, sono lì a cavillare e a pensare agli investitori, al business, al profitto".

More news: Italia, Moody's prende tempo su rating in attesa manovra 2019

Nella riunione è stato preso in esame anche il piano di interventi a favore delle famiglie delle vittime e delle persone che abitavano sotto il ponte Morandi costrette a trasferirsi dalle loro case, oltre a quello per la ricostruzione del ponte crollato ed a quello per la viabilità alternativa che riunisca la città di Genova, collegandola anche al porto e all'aeroporto. La holding continuerà "a collaborare con le istituzioni" per superare l'emergenza e sostiene le misure avviate da Autostrade. La decisione del Governo di proseguire con la revoca della concessione penalizza anche gli altri concessionari autostradali, da Autostrade Meridionali (-5,19%) alle società del Gruppo Gavio: Astm (-2,12%) e Sias (-2,48%).

Quasi nelle stesse ore, la Guardia di finanza si è recata nelle sedi della Società Autostrade per l'Italia di Genova, Firenze e Roma su mandato della procura genovese gli uomini delle fiamme gialle per sequestrare documentazione in merito all'inchiesta per il crollo del ponte.

Come questo: