Pubblicato: Dom, Agosto 19, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

Luigi Di Maio: "Con 40 morti sono convinto che non pagheremo penali"

Luigi Di Maio:

Innanzitutto la dichiarazione di decadenza presuppone una contestazione formale di specifica inadempienza (art 8) che finora non risulta esserci stata, per la quale il ministero lascia alla concessionaria "un congruo termine" per comunicare le proprie giustificazioni che, se non accettate, mandano avanti la procedura.

Quanto costerebbe revocare la concessione?

Governo ultime notizie: concessione autostrade revocata? "Avvieremo la procedura per la revoca senza attendere le risultanze in sede penale", ha annunciato il premier Conte.

More news: La richiesta di Salvini ad Autostrade: "Mettete 500 milioni"

"Nello Sblocca Italia nel 2015 fu inserita di notte una leggina che prolungava la concessione a Autostrade in barba a qualsiasi forma di concorrenza".

Una volta accertata la colpa, l'articolo 1453 del codice civile stabilisce che in caso di inadempimento del concessionario, il creditore - che in questo caso sarebbe la stazione appaltante - può chiedere la risoluzione del contratto e il risarcimento del danno. Autostrade per l'Italia fattura ogni anno circa 4 miliardi di euro e produce 900 milioni di euro di utile per il suo azionista (Atlantia). "Se questa proposta verrà formalizzata il Governo la valuterà, ma non come contropartita della rinuncia a far valere la voce di tutte le vittime di questa immane tragedia", si legge nella nota diffusa da Palazzo Chigi. "Il Governo contesta al concessionario che aveva l'obbligo di curare la manutenzione ordinaria e straordinaria dell'autostrada A10, la grave sciagura che è conseguita al crollo del ponte". La concessione alla Società Autostrade per l'Italia è regolata dal decreto legge 3 ottobre 2006 n. 262, convertito dalla legge 24/11/2006 n. 296. Lo si legge in una nota della società, che fa sapere che "continuerà a collaborare con le istituzioni locali per ridurre il più possibile i disagi causati dal crollo". "Se la motivazione è giusta, e per ora ci sono quasi 40 morti, non credo che vadano pagate penali", ha spiegato il vice premier, sottolineando: "Anche perché farebbero incazzare ancora di più tutte le persone che in questo momento vogliono giustizia non solo a Genova ma in tutt'Italia". Spiega infatti che intende modificare totalmente il settore delle concessioni. Il processo di privatizzazioni che riguarda le nostre infrastrutture è stato avviato molti anni fa, secondo una logica che ha favorito la gestione finanziaria delle stesse e ha oscurato la logica industriale che invece dovrebbe caratterizzarle. "Infine, lo ripeto, il mio ministero ha chiesto formalmente ad Autostrade per l'Italia di fornire entro 15 giorni una dettagliata relazione per dimostrarci se e come ha agito, in merito alla manutenzione del ponte Morandi, secondo gli oneri e gli obblighi che gli competono come ente gestore di quel tratto di autostrada". Anche Forza Italia vuole che le Camere indaghino. "Uno su tutti Enrico Letta, ex presidente del consiglio, passato per il Cda della società che gestisce le autostrade spagnole, comprate dai Benetton con i soldi dei pedaggi degli italiani". Il crollo del ponte Morandi è figlio di tutti i trattamenti privilegiati e delle marchette fatti ad Autostrade per l'Italia. Che poi elenca quali saranno le azioni che il governo intende intraprendere. Poi il leader del M5s conferma che saranno desecretati "tutti i contratti dei concessionari autostradali e mostreremo questa vergogna al mondo intero". E prima di parlare di una eventuale rescissione, "facciamo una verifica su quanti miliardi sono disposti a investire non nei prossimi anni, come da programmi che a questo punto appaiono chiaramente obsoleti, ma nei prossimi mesi".

Come questo: