Pubblicato: Sab, Agosto 18, 2018
Cultura | Di Socrate Ginnetti

Dave Bautista paragona la Disney a Trump sulla questione James Gunn

Dave Bautista paragona la Disney a Trump sulla questione James Gunn

Si diceva che la Disney stesse pensando di reintegrare James Gunn, o che avrebbero usato la sceneggiatura che aveva appena scritto per Guardiani della Galassia Vol. 3. E' una situazione molto complicata per tutti.

Il rapporto di Variety indica che il presidente dei Walt Disney Studios, Alan Horn, ha incontrato James Gunn martedì (14 agosto), in quella che viene descritta come una "cortesia", e che il presidente di Marvel Studios Kevin Feige non era presente. Sai, vogliamo solo andare avanti, fare quello che è giusto ed essere le migliori persone possibile.

Non sappiamo se Disney rilascerà un nuovo comunicato ufficiale in merito ma, quel che è certo, è che ora si cerca un nome da mettere dietro alla macchina da presa del terzo film della saga. L'intero cast di Guardiani della Galassia ha firmato una lettera a sostegno di Gunn, e Dave Bautista ha minacciato di recedere dal contratto nel caso di rifiuto dello script. Non è ancora chiaro se quest'ultimo verrà utilizzato, o se il nuovo regista ne proporrà un rimaneggiamento.

More news: Serie A, come vedere il calcio in tv: ecco la guida

James Gunn non dirigerà il film 'Guardiani della Galassia Vol. 3', le cui riprese sono previste per l'inizio del 2019.

L'incontro è stato molto cordiale, con James Gunn accompagnato anche dai suoi legali ma Alan Horn, a sorpresa, ha ribadito che l'azienda ha deciso di non cambiare idea preferendo salvaguardare la propria immagine.

Le cause che avevano spinto Disney e Marvel a chiudere i rapporti con James Gunn avevano fatto discutere in occasione del suo licenziamento.

Come questo: