Pubblicato: Dom, Luglio 29, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Dopo Famiglia Cristiana anche Avvenire contro Salvini: "Nessun uomo è un parassita"

Dopo Famiglia Cristiana anche Avvenire contro Salvini:

La copertina di Famiglia Cristiana contro Salvini ha fatto scalpore, più per i toni (con 'Vade retro Salvini' si gioca su Salvini-Satana) demonizzanti che per la sostanza, visto che in tema di immigrazione ci sta che le opinioni siano molto diverse e i toni, per citare Biscardi, asperrimi.

Dopo l'ennesima tragedia di migranti morti in mare (le vittime sono già 1.490 dal primo gennaio al 18 luglio), Famiglia Cristiana fa il punto sull'impegno della Chiesa italiana.

More news: Salvini: faremo flat tax e pensioni, anche oltre numeri Bruxelles

A proposito della politica di chiusura dei porti recentemente adottata dal governo, e vista dall'esecutivo come un richiamo alle responsabilità anche degli altri Paesi dell'Unione europea (da qui casi come quello di Aquarius), il presidente della Cei, Gualtiero Bassetti, aveva affermato che "non si può chiudere il porto quando arriva una nave che è piena di disgraziati che sono dei crocifissi, o per un motivo o per un altro; che nessuno - aveva concluso il cardinale - sia lasciato morire in mare, lo chiedo con il cuore". Un accostamento tra il politico leghista e Satana, che ha subito scatenato polemiche. "Non è nostro compito d'altronde dare lezioni di buon gusto (nè riceverne), ma informare nella verità, fatti mai separati dai valori cristiani, come recita il sottotitolo della nostra testata", scrive a margine dell'articolo in cui rende conto ai lettori della risposta di Salvini. E, dopo aver ricordato di "avere quotidianamente il sostegno di tante donne ed uomini di Chiesa", fa notare che "anche il catechismo dice che bisogna accogliere nella misura del possibile". "C'è modo e modo di pensarla anche all'interno delle gerarchie ecclesiastiche.". Satana...!? Metafisico Matteo Renzi: "Se in campagna mostri il rosario... se fingi di giurare sul Vangelo..." Niente più giri di parole, moderazione e sottintesi democristiani, adesso il settimanale più letto nelle parrocchie supera in cattivo gusto e assurdità le riviste radical chic, finendo per paragonare il ministro dell'Interno addirittura al diavolo.

La Chiesa che predica il dialogo cerca il confronto con tutti tranne che con Matteo Salvini. "Si tratta del Vangelo", è il sommario. "E irrispettosa nei confronti di qualcuno che dovrebbe avere nel perdono la sua prima dote", rimarca il leader della Lega. L'errore è grave perché divide invece di unire, crea rancori infiniti e allontana dalla comprensione del malessere che investe gli italiani, che politicamente si manifesta nell'assenteismo e nel voto di protesta, chiamato "populista". A spararle un italiano di 59 anni, ex impiegato del Senato, l'uomo che ha sparato alla bambina rom da un balcone martedì scorso a Roma, con una arma ad aria compressa, da softair, si è difeso sostenendo di 'provare' l'arma.

Come questo: