Pubblicato: Gio, Luglio 26, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

Ferrari - John Elkann subentra a Marchionne: seri problemi di salute

Ferrari - John Elkann subentra a Marchionne: seri problemi di salute

Il Consiglio di Amministrazione di Ferrari NV ("Ferrari") (NYSE/MTA: RACE) riunitosi oggi ha appreso con profonda tristezza che il Presidente e Amministratore Delegato Sergio Marchionne non potrà riprendere la sua attività lavorativa. A fine mattinata si è saputo che l'amministratore delegato di Fca, Mike Manley, ha assunto ad interim la carica di Chief Operating Officer dell'Emea, dopo che Alfredo Altavilla ha rassegnato le dimissioni "per perseguire altri interessi professionali".

More news: Berlusconi: Marchionne è il numero uno dei manager italiani

Parole che seguono l'annuncio di FCA relativo allo stato di salute di Sergio Marchionne, a spiegare come nel corso di questa settimana siano sorte complicazioni impreviste durante la fase di recupero dall'intervento chirurgico al quale si era sottoposto a inizio luglio e come le condizioni siano significativamente peggiorate nelle ultime ore. Sono profondamente addolorato per le condizioni di Sergio. Laureata in scienze politiche, la 47enne piemontese è una dipendente della Fca che lavora nel ramo comunicazioni e, stando alle recenti informazioni, farebbe parte dell'ufficio comunicazione del gruppo dalla fine degli anni '90. Sarà l'assemblea degli azionisti a procedere con l'investitura formale di Camilleri. Proprio l'uomo che fino ad ora ha guidato Ram e Jeep, i due marchi del gruppo che fanno più utili, è "l'uomo giusto per portare avanti il piano industriale presentato recentemente", scrive Mediobanca in un report. Sabato i cda del gruppo riuniti d'urgenza al Lingotto hanno prontamente provveduto a nominare Manley. In Ferrari John Elkann da vice presidente è passato a presidente e come ad è stato nominato Louis Camilleri. Le transizioni che abbiamo appena annunciato, anche se dal punto di vista personale non saranno prive di dolore, ci permettono di garantire alle nostre aziende la massima continuità possibile e preservarne la cultura.

Come questo: