Pubblicato: Mar, Luglio 24, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

Marchionne è grave, Manley è il nuovo amministratore delegato di Fca

Marchionne è grave, Manley è il nuovo amministratore delegato di Fca

Non soltanto le azioni FCA, ma anche Ferrari, Exor e le altre quotate che gravitano o hanno gravitato attorno a Sergio Marchionne saranno le sorvegliate speciali sulla Borsa Italiana oggi, in attesa di conoscere le condizioni di salute dell'ormai ex amministratore delegato.

L'uscita anticipata dal gruppo decisa ieri dai cda di Fca, Cnh e Ferrari "con profonda tristezza" perché, ha una spiegato una nota, a causa dell'aggravarsi delle condizioni "non potrà riprendere la sua attività lavorativa", ha destato commozione e attestati di stima in tutto il mondo.

Nominato il nuovo sostituto, nominati i nuovi presidenti, tenuti immediatamente i nuovi consigli di amministrazione, insomma azzerato Sergio Marchionne, l'uomo dal maglioncino nero, l'uomo che ha guidato l'industria automobilistica Italiana, l'uomo che ha gestito fusioni internazionali determinanti.

Marchionne ha consegnato le chiavi del veicolo al Comandante Generale dell'Arma Giovanni Nistri, asserendo che "la macchina è bella", per poi parlare con i due militare a bordo della Jeep.

More news: Ragno violino, l'esperto: "Paure ingiustificate"

Il Wall Street Journal ha la notizia in apertura e sottolinea che "Marchionne soffre di complicazioni dovute a un intervento chirurgico, e' stato assente per settimane" Sulla Frankfurter Allgemeine Zeitung il "primo cambio boss a Fiat Crysler" apre la sezione economia: "Il manager italo-canadese Marchionne ha anche guidato finora le fortune della Ferrari". Alla chiusura di venerdì Fca ha chiuso a 16,416 euro (-2,31%), portando il bilancio dell'ultimo mese a -7,4%.

"Sergio non tornerà più" aveva scritto in una lettera ai dipendenti il presidente della Fca John Elkann, in merito al suo amministratore delegato. Quattro i nomi in ballo: Alfredo Altavilla, responsabile Emea del gruppo, Richard Palmer, direttore finanziario, Mike Manley, responsabile del marchio Jeep e Pietro Gorlier, ad di Magneti Marelli. Ma come lui stesso ha detto più volte: "Il vero valore di un leader non si misura da quello che ha ottenuto durante la carriera ma da quello che ha dato".

"Negli ultimi 14 anni, abbiamo vissuto insieme successi e difficoltà, crisi interne ed esterne, ma anche momenti unici e irripetibili, sia dal punto di vista personale che professionale". Si parla di terapia intensiva e di condizioni irreversibili. "Ci ha insegnato - prosegue - a pensare diversamente e ad avere il coraggio di cambiare, spesso anche in modo non convenzionale, agendo sempre con senso di responsabilità per le aziende e per le persone che ci lavorano". La successione però è già stata pianificata, per il gruppo FCA è stato scelto l'uomo della Jeep, Mike Manley.

Il Consiglio proporrà quindi alla prossima Assemblea degli Azionisti, che sarà convocata nei prossimi giorni, che Manley sia eletto nel Consiglio in qualità di amministratore esecutivo della Società.

Come questo: