Pubblicato: Sab, Luglio 21, 2018
Sportivo | Di Concetto Furlan

Torino, Cairo: "Tenere i big fondamentale per fare bene. N'Koulou-Siviglia? Offerta respinta"

Torino, Cairo:

Poi si vuole sempre qualcosa di più, ma sono cose che vanno apprezzato.

Torna a parlare il Presidente Cairo e lo fa col botto.

More news: Morta la donna tamponata in auto dall’attore Marco Paolini

"Con l'arrivo di Ronaldo la Serie A ha assunto una dimensione molto più importante: l'interesse si è propagato su tutte le squadre, non solo sulla Juventus". Il nostro è un progetto ampio, sano e lungimirante: 4 volte su 5, negli ultimi anni, ci siamo piazzati nella parte sinistra della classifica. "Oggi il Torino lotta per qualcosa di più della retrocessione, grazie anche a un settore giovanile che ha fatto benissimo nel recente passato". "Abbiamo sei centrali di difesa, anche se due di essi si sono fatti male (Bonifazi, operato da pochi giorni per un'ernia, e Lyanco, che si sta allenando in Brasile per recuperare dal vecchio infortunio, ndr)". Abbiamo speso 49 milioni, compresi alcuni riscatti, mentre 10 sono stati quelli incassati. Forse non tutti i tifosi saranno d'accordo, ma il Presidente è inarrestabile: "Il Siviglia mi ha chiesto N'Koulou ma ho detto assolutamente di no. Con l'arrivo di Ronaldo, investimenti anche importanti sono purtroppo passati in secondo piano". E quando gli chiedono se Juan Jesus è un obiettivo per completare la difesa, risponde: "Non faccio nomi, anche se dietro qualcosina certamente verrà fatto". "A questa domanda non darò risposta". A osservare il lavoro di Belotti e compagni l'occhio vigile di Urbano Cairo, che sta seguendo da vicino la squadra allenata da Walter Mazzarri.

Quali sono gli obiettivi del Torino per la prossima stagione?

Come questo: