Pubblicato: Mar, Luglio 17, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Nato: Trump, 33 miliardi di dollari in più da alleati

Nato: Trump, 33 miliardi di dollari in più da alleati

Trump ha deciso anzi di alzare il prezzo: per tutti vuole una spesa annua per la difesa comune pari al 4%.

Lo ha detto la premier Theresa May accogliendo a Blenheim Palace il presidente americano Donald Trump e la moglie Melania per una cena di gala. Guardando ai vari atteggiamenti presi in precedenza, l'atteggiamento di Trump verso Putin potrebbe essere molto più amichevole di quello riservato agli alleati della NATO. E' quanto si è appreso da diverse fonti diplomatiche, come riferiscono le agenzie Dpa e belga. "E anche velocemente. 33 miliardi in più". Le parole del tycoon hanno spinto la Nato a convocare una riunione straordinaria. Il presidente americano, invece, non sembra avere interesse per un'integrazione europea e una razionalizzazione della spesa militare in Europa. E lo stesso Trump su Twitter non aveva mancato l'occasione per punzecchiare la Germania, che spende solo l'1% del suoi pil per la Nato, a fronte del 4% degli Stati Uniti. Poi, però, in una conferenza stampa convocata a sorpresa, il presidente Trump ha fatto marcia indietro. "Il problema del contributo e dei singoli partner è un problema complesso". In questo senso, è indicativo il cambio di rotta che Trump ha imposto rispetto all'esportazione di droni militari e altre tecnologie unmaned rimuovendo vincoli e limitazioni che dovrebbero rendere più agevoli le esportazioni. Indirettamente la cancelliera Angela Merkel conferma: "noi siamo già su questa strada, tutti riconoscono la Nato e sono pronti al contributo". Non è certo se l'espediente sarà compatibile con le regole europee e soprattutto come reagiranno l'Austria e l'Italia.

"È una necessità anche per contribuire meglio alla sicurezza in ambito Nato e avere un rapporto più equilibrato con gli Stati Uniti. L'ondata di immigrati sta cambiando l'Europa in peggio" aggiunge. Ha espresso tuttavia ottimismo sulla possibilità di preservarla, a patto che ci sia un forte impegno politico. Ora l'Alleanza è più forte di prima. Rafforzare il comando interforze di Napoli significa creare anche un indotto per il nostro sud. Ma la minaccia di Trump che si era concretizzata questa mattina ha gettato un'ombra lunghissima sul meeting di Bruxelles, al quale partecipa anche il presidente del Consiglio Giuseppe Conte.

More news: La Camera approva il taglio dei vitalizi

A quel punto, Merkel è andata a mettersi fra lui e il Segretario generale Jens Stoltenberg, e si è messa parlare con loro. È una figura di spicco tra i conservatori e aveva fatto parlare di sé per le sue battaglie contro i suoi colleghi liberal nominati da Barack Obama.

Capitolo missioni estere: "Continuiamo a mantenere una presenza" ma prefiguriamo "un ridimensionamento della presenza italiana in Afghanistan che annunceremo quanto prima, nella consapevolezza che le missioni esprimono un valore strategico che non possiamo trascurare". Gli alleati, ha detto, "hanno aumentato in modo sostanzioso i loro impegni". Frizioni con gli alleati di governo?

Che bilancio si può tracciare di questo vertice Nato?

Come questo: