Pubblicato: Mar, Luglio 17, 2018
Esteri | Di Evidio Veneziano

Migranti, la nuova sfida di Salvini

Migranti, la nuova sfida di Salvini

Le autorità maltesi, immediatamente informate, circa due ore dopo hanno comunicato l'assunzione del coordinamento delle operazioni di soccorso e l'invio in area di un aereo che ha individuato l'imbarcazione alla deriva ancora in area SAR maltese. "L'unica soluzione - ha continuato - per mettere fine al traffico di esseri umani, per combattere realmente la mafia degli scafisti e' far capire a tutti che in Italia e in Europa ci arrivi se hai il permesso".

"E allora noi ci saremo, contro un ministro cialtrone che, utilizzando l'immigrazione come arma di distrazione di massa, sta preparando l'attacco ai diritti di chi lavora a partire dalla reintroduzione dei voucher, dal condono fiscale e dal far pagare meno tasse ai ricchi".

Nuova disputa Italia-Malta sui migranti: un barcone con 450 persone a bordo è diretto verso l'Italia. Abbiamo già dato, ci siamo capiti?', aveva detto il ministro dell'Interno Matteo Salvini. "Contattate, le persone a bordo ha detto che volevano procedere verso Lampedusa". "La mia presenza alla partita di calcio di ieri era organizzata dalla Fifa e non c'è stato alcun volo di stato ma un normale volo di linea", si giustifica il vicepresidente del Consiglio di fronte alle accuse, mosse soprattutto sui social, di aver viaggiato a spese di non sa chi per andare a vedere la finale del Mondiale. "Non possiamo cedere - avrebbe ribadito Salvini -; la nostra fermezza salverà tante vite e garantirà sicurezza a tutti".

Conte, lettera a Juncker e Tusk: "Il problema riguarda tutti". "Che schifo. Ruspa". Ieri qualcuno ha riadattato quel tweet all'attuale situazione, mettendo in mezzo Salvini e chiedendo chi pagasse il suo volo.

More news: Ronaldo, test fisici a Torino Bagno di folla e tifosi in delirio

In altre parole, i porti italiani si aprirebbero ai 450 migranti se l'Ue ne accettasse una redistribuzione istantanea.

Tre ipotesi in campo.

Sulle tensioni col Quirinale, dopol'intervento del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che ha chiamato il premier Conte per sbloccare lo sbarco, superando la posizione ferma di Salvini, quest'ultimo risponde: "Non si è mai intromesso in quello che io ho fatto come ministro dell'Interno".

Come questo: