Pubblicato: Sab, Luglio 14, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

Ilva, Di Maio: "Da ArcelorMittal ci aspettiamo proposte migliorative"

Ilva, Di Maio:

"Sull'Ilva non sono stati considerati soddisfacenti il piano occupazionale e ambientale", per cui "abbiamo chiesto maggiori garanzie ad ArcelorMittal e in queste ore è in corso l'approfondimento sulle contro-proposte chieste", ha detto Di Maio al Senato. "Dopo quaranta giorni dal giuramento da ministro, Di Maio ha ancora necessità di procedere ad approfondimenti di tutte le carte sottoposte dall'azienda e dal precedente governo".

Frattanto, il presidente della Regione Liguria, Giovanni Toti, ha avvertito che l'annullamento della gara non comporterebbe un nuovo bando, bensì il definitivo fallimento dell'azienda, con un danno economico stimabile in 2 miliardi di euro per il piano ambientale (che passerebbe a carico dello Stato), 20 mila lavoratori in cassa integrazione., un punto di PIL e l'uscita definitiva dell'Italia dal mercato dell'acciaio. Si sarebbe cosi' inficiata la legittimita' e la regolarita' della gara di aggiudicazione, disse l'allora ministro dello Sviluppo economico, e si sarebbe fatto un grosso danno alla credibilita' del Paese. La decisione di invitare a Taranto i ministri Di Maio, Costa, Lezzi e Grillo e' stata presa al termine di un'assemblea delle stesse associazioni. Seicento milioni di differenza quindi. E "appaiono ben più esigui" anche gli investimenti proposti da Ami rispetto ad Acciatalia. Il consorzio AcciaItalia (partecipato dalla Delfin di Leonardo Del Vecchio, dalle acciaierie italiane Arvedi e dagli indiani di Jindal) aveva proposto, entro il 2021, una riconversione della produzione con tecnologie a minore impatto ambientale, come l'utilizzo del gas naturale al posto del carbone in altoforno, che avrebbe abbattuto la produzione di anidride carbonica e polveri sottili. Scelta per cui Emiliano si batte da tempo.

"Il governo ha raccolto le critiche del sindacato sull'operazione che Mittal vuole portare avanti su Ilva". Questo per non diventare un monopolista con l'acquisizione di Ilva. L'accordo dopo l'incontro di oggi appare più in salita.

More news: Chelsea, ritiro al via con Conte ma è caos panchina

E allora? Spiega una fonte sindacale coinvolta nella trattativa: "Si cerca di creare ostacoli quando si intravvede un possibile percorso positivo". Se è questo il suo obiettivo allora ci sta riuscendo, ma è da irresponsabili. Gioco di sponda tra Emiliano e Di Maio? "La responsabilita' e' di chi mi ha preceduto, non mia". Nessuna reazione, invece, per il momento da parte dei sindacati. Sull'intervento dell'Anac nella gara Ilva, non nutre infine preoccupazioni l'ex ministro Calenda.

"Data l'importanza della procedura di cessione qualsiasi ulteriore verifica di legalità e conformità alle norme è, quel che mi concerne, benvenuta".

Come questo: