Pubblicato: Mer, Luglio 11, 2018
Cultura | Di Socrate Ginnetti

Mondiali 2018, Russia accusata di doping: "Giocatori inalavano ammoniaca"

Mondiali 2018, Russia accusata di doping:

Davanti a sé ha l'Inghilterra, spinta dai suoi numerosi tifosi sempre presenti in Russia che, con il grido "It's coming home", il calcio sta tornando a casa, sono sempre più convinti della forza della loro nazionale e la squadra dei tre leoni dopo mezzo secolo può finalmente tornare in finale.

Secondo Putin, alla caduta degli stereotipi hanno contribuito "i cosiddetti giornalisti popolari, che lavorano in proprio attraverso i social network". Come se non bastasse, anche il 70esimo posto nel ranking Fifa condannava la Russia come la squadra più scarsa tra le 32 partecipanti al torneo; con il suo 67esimo posto, persino l'Arabia Saudita poteva fregiarsi, almeno sulla carta, di una posizione migliore. Da quel che riporta AS, lo stesso medico della nazionale, Eduard Bezuglov, avrebbe confermato ai media locali l'utilizzo di ammoniaca, smentendo al contempo che si tratti di doping. L'Inghilterra invece giunge tra le prime quattro a un Mondiale per la terza volta, dopo l'edizione casalinga del 1966, poi vinta, e Italia '90, dove i britannici si arresero in semifinale ai rigori alla Germania, prima di cedere anche nella finalina agli azzurri. La squadra è piena zeppa di campioni, tanto è vero che tanti blasonati campioni (uno su tutti: Benzema) sono rimasti a casa a guardare le partite della nazionale in tv. Due semifinali dal sapore completamente europeo.ma ecco le gare in programma.

Il Belgio, dopo la sofferta ma entusiasmante rimonta contro il Giappone agli ottavi (da 0-2 a 3-2), ha battuto una grande favorita come il Brasile nei quarti.

Di questi, 20 sono stati segnati su rigore, mentre sono stati 9 gli autogol derivanti da rocambolesche deviazioni effettuate da calciatori nella propria porta.

More news: Allarme LIsteria nei minestroni surgelati, ritirati prodotti in tutta Europa

Una scena che ha fatto emergere sospetti, sull'onda dello scandalo del doping di Stato che costò al team di atletica russo l'esclusione dai Giochi Olimpici 2016 a Rio de Janeiro.

Il presidente americano Donald Trump vorrebbe che almeno la prima parte dell'incontro previsto il 16 luglio a Helsinki con l'omologo russo Vladimir Putin fosse completamente riservata.

La finalissima si giocherà domenica 15 luglio, alle ore 17 italiane, nello stadio "Luzniki" di Mosca.

Come questo: