Pubblicato: Mar, Luglio 10, 2018
Economia | Di Almiro De Bernardi

Salvini al Quirinale. Solo mezz'ora, per fortuna. Il ruolo imparziale di Mattarella

Salvini al Quirinale. Solo mezz'ora, per fortuna. Il ruolo imparziale di Mattarella

L'ultima richiesta del capo della Lega parlava della volontà di bloccare i porti italiani per le navi militari straniere impegnate nel Mediterraneo, che pare però abbia fatto storcere il naso al Presidente, lasciando molti dubbi.

Il vicepremier non ha risparmiato inoltre una battuta sui giudici, accusati dalla Lega di emettere sentenze politiche: "Ci faranno la guerra in tutti i modi, useranno le tv, usano qualche giudice o qualche magistrato".

Davanti al Capo dello Stato si presenterà a mezzogiorno un Ministro dell'Interno protagonista anche di una nuova lite, questa volta con il Ministero della Difesa. Tanto che in una conferenza stampa, rispondendo alle domande dei cronisti, Salvini lascia del tutto cadere il tema dell'"attentato alla democrazia", dell'"attacco politico" al Carroccio che - a dire dei leghisti - sarebbe stato sferrato con la sentenza. Non sarà come con Silvio Berlusconi che è stato tenuto dalla magistratura per anni sulla graticola con processi assurdi incardinati su indagini ancor più assurde.

More news: Brasile e Belgio per confermare il pronostico

Chi mostra di aver recepito il messaggio è Luigi Di Maio. "Se pensano di mettermi paura hanno sbagliato soggetto". E poi, per i grillini, c'è sempre in ballo la storia dei due mandati.

Mattarella aveva a lungo nicchiato, non potendo certo prestarsi a strumentalizzazioni politiche contro la magistratura. Intanto, lui cresce politicamente e l'Italia mostra di gradire il suo piglio decisionista.

Un'ossessioneeeee, l'abbiamo capitooooo, va bene, non si è parlatooooooo.

Come questo: